Recupero Password
Parte il “Puglia Equity Fund”, fondo per le imprese Presentato il progetto della Regione Puglia finalizzato a migliorare la competitività
09 giugno 2006

MOLFETTA - Migliorare la competitività delle piccole e medie imprese puntando sulla territorialità. Sono questi gli obiettivi del Puglia Equity Fund, stanziato dalla Regione Puglia con il bando del POR, per l'istituzione di un capitale di rischio in favore delle piccole e medie aziende. Il progetto è stato presentato il 6 giugno, in una Fabbrica di San Domenico gremita, alla presenza dell'amministratore delegato della Banca Popolare di Bari, Marco Jacobini, del presidente della Cattolica Popolare di Molfetta, Nicola Azzollini, e da Giampaolo Busso, Componente del Comitato Tecnico RTI. “Il fondo capitale di rischio è uno strumento per le piccole e medie imprese – ha sottolineato il dott. Nicola Azzollini nel suo intervento introduttivo (al centro nella foto, tra Busso e Jacobini) – e sarà utile per fronteggiare le sfide della globalizzazione e dei nuovi mercati”. Particolare rilievo è stato dato da Azzollini alla territorialità del Raggruppamento temporaneo di Imprese, che include la Cattolica Popolare e la BPB, e che punta “ a creare occupazione e crescita economica su Molfetta e su tutto il territorio regionale”. “La presenza diffusa della Banca Popolare di Bari sul territorio regionale – ha aggiunto Azzollini – consentirà alla Cattolica Popolare di concentrare la ricerca di imprese destinatarie dell'intervento in particolare tra quelle già insediate nell'area industriale locale”. Il Raggruppamento temporaneo di Imprese che potranno usufruire del fondo avrà una durata di cinque anni e renderà possibile un investimento di circa 30 milioni di euro. I requisiti minimi che le imprese dovranno dimostrare di possedere, per avviare il confronto con il Fondo, saranno in linea con gli indici di bilancio medi delle aziende presenti sul territorio regionale ed in ottemperanza con i principi di prudenza concordati con il governo regionale. “Entro poche settimane verranno resi noti i requisiti minimi necessari che le imprese devono possedere per poter accedere all'istruttoria curata dal comitato tecnico – ha spiegato il dott. Giampaolo Busso nel suo intervento – e particolare attenzione verrà rivolta a quelle aziende che prenderanno in considerazione la possibilità di quotarsi in Borsa”.
Autore: Vito Piccininni
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet