Recupero Password
Omicidio Bufi, resta Bindi l'indiziato numero uno La Cassazione rigetta il ricorso del suo avvocato
15 giugno 2002

Resta Marino Domenico Bindi l'indiziato numero uno nelle indagini per l'omicidio di Anna Maria Bufi, la ragazza assassinata a febbraio di dieci anni fa e scaricata sulla statale 16 bis. La Corte Suprema di Cassazione ha rigettato il ricorso proposto dall'avvocato di Bindi, Dino Iannone, contro l'ordinanza del Tribunale della Libertà che aveva confermato gli indizi di colpevolezza a carico dell'uomo, raccolti dal giudice per le indagini preliminari, Michele Nardi, e contenuti nell'ordinanza di custodia cautelare. Andranno avanti, dunque, le indagini e non cambia nulla nell'impianto accusatorio del Pm Francesco Bretone; confermati in pieno anche i contenuti dell'ordinanza del Gip Nardi. Il procedimento che attualmente vede Bindi maggiore indiziato, sarebbe stato, invece, annullato, in caso di accoglimento del ricorso avanzato dall'uomo. La famiglia, assistita dall'avvocato Giuseppe Maralfa, spera che si possa dire una parola definitiva su questa vicenda che dura ormai da oltre 10 anni, senza che nessun colpevole sia stato assicurato alla giustizia: “se ci sono altre indagini da fare, che si facciano, purché venga individuato il responsabile di questo efferato delitto”, dice il padre della ragazza.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet