Recupero Password
Oggi a Bari presentazione del Terradamare 2009
22 aprile 2009

BARI -Sull'onda del notevole incremento nella commercializzazione dell'olio DOP, a livello italiano ed internazionale, anche quest'anno la Oliveti d'Italia si è fatta promotrice, insieme al CUS Bari, della manifestazione “Terradamare: dove il mare incontra le DOP”, arrivata alla quinta edizione e diventata appuntamento fisso della primavera adriatica. Terradamare è un'insieme di manifestazioni itineranti, su mare e su terra, finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali mirate alla valorizzazione della Terra di Bari e della sua produzione di olio extra vergine di oliva DOP, che si svolgeranno nell'arco di un mese, da fine aprile a fine maggio. Il programma di attività rappresenta un concreto esempio di marketing territoriale in cui la provincia di Bari, e più in generale la Regione Puglia, mette in vetrina quanto di meglio dispone: il mare, le bellezze architettoniche ed i prodotti di qualità. Il progetto Terradamare è nato cinque anni fa dalla volontà di promuovere il territorio della provincia di Bari e le sue produzioni agroalimentari di qualità, garantite da Oliveti d'Italia e certificate DOP, con una serie di manifestazioni veliche ed incontri tematici. Oggi la manifestazione è diventata, sul piano specifico, una realtà di riferimento tra le regate di altura internazionali e ciò riempie di soddisfazione quanti all'inizio hanno voluto credere in questa sfida. Lo scorso anno Terradamare ha coinvolto oltre 2000 persone ed ha goduto di un forte riscontro in ambito nazionale e in tutta l'area balcanica, non solo in Montenegro anche in Croazia ed in Serbia. Tantissime saranno le novità dell'edizione 2009. Una su tutte, un corso per assaggiatori di olio organizzato da Oliveti d'Italia oltre Adriatico, in collaborazione con il Ministero dell'Agricoltura del Montenegro. Terradamare 2009 verrà presentato in conferenza stampa oggi alle 10 nella sala consiliare della Camera di Commercio di Bari. È prevista la partecipazione di diverse autorità in rappresentanza di Istituzioni Italiane, fra cui rappresentanti della Camera di Commercio, della Regione Puglia, del Comune e della Provincia di Bari, del Coni e della Federazione Italiana Vela, e la partecipazione di alti rappresentanti delle Istituzioni Montenegrine. Al Terradamare la vela aumenta in qualità e in quantità Idrusa del Montefusco Sailing Team pronta a duellare con l'altro maxi Fetch IV Nell'edizione 2009 del Terradamare, gli appuntamenti sportivi sono aumentati rispetto allo scorso anno, e promettono spettacolo agli amanti della vela e del mare. La prima regata, nonché fiore all'occhiello della manifestazione, è la Est 105, la traversata dell'Adriatico da Bari ad Herceg Novi, in Montenegro. La Est 105, che anche quest'anno è stata inserita nel circuito del “Giro di Puglia”, è organizzata dal CUS Bari, e vedrà gli equipaggi salpare il prossimo 29 aprile. La seconda prova sarà la regata “Bocche di Cattaro” nelle acque del Montenegro, prova la cui logistica quest'anno sarà curata da ben due circoli, lo Jovo Dabovic e lo Jukole Grakalic. La regata “Bocche di Cattaro” si disputerà nelle acque slave il 1° maggio. La terza prova è una delle novità dell'edizione di quest'anno di Terradamare: il Trofeo Claverini, organizzato dalla Lega Navale Italiana, sezione di Bari, che entra a far parte della grande famiglia di Terradamare. La regata è prevista a Bari il 10 maggio. La prova che chiuderà il Terradamare 2009, come ormai da tradizione, sarà il Trofeo Nicolaiano, sempre nelle acque del capoluogo pugliese il 24 maggio. La classifica complessiva di queste ultime due regate assegnerà il Trofeo Terradamare 2009, che verrà consegnato all'equipaggio vincitore nella splendida cornice della Vedetta Sul Mediterraneo, a Giovinazzo. Sono già oltre quaranta gli equipaggi italiani iscritti alla Est 105, ai quali si aggiungeranno una decina di equipaggi provenienti da paesi balcanici (Montenegro, Croazia e Serbia). La manifestazione, nata su iniziativa di Oliveti d'Italia e finanziata dal MIPAAF per promuovere la conoscenza e i consumi dell'olio extra vergine Dop, è diventata sul piano sportivo una realtà di riferimento tra le regate di altura internazionali. Fra gli iscritti, spicca il superMaxi di 80 piedi Idrusa, di Montefusco Sailing Project, pronto a bordeggiare con l'altro maxi, Fetch IV, di Michele Scianatico, vincitore due anni fa proprio della Est 105. Sarà un duello da non perdere.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet