Recupero Password
Nuovo ciclo Virtus Molfetta In attesa dei primi colpi di mercato, si lavora per cercare il nuovo coach
15 giugno 2010

Dopo circa 11 anni di continua ascesa verso traguardi sempre più prestigiosi, per la Virtus Molfetta, il dodicesimo anno si è congedato con una salvezza agguantata all’ultima giornata disponibile e senza ulteriori spareggi, visto il regolamento di quest’anno. Ma per il futuro si lavora lontano da orecchi indiscreti al fi ne di preservare al meglio il patrimonio Virtus. I giocatori sono in ferie, mentre i dirigenti sono al lavoro su vari fronti. C’è da ricostruire una squadra, cosa che nella pallacanestro è normale, visto che in molti fi rmano contratti annuali dovuti anche al continuo cambiamento e sconvolgimento del regolamento, per aprire un nuovo ciclo con l’impegno, la passione e il lavoro per la squadra che i molfettesi hanno nel cuore. Ripartire col solito spirito di sacrifi cio a piccoli passi a partire dal nuovo timoniere che possa amalgamare un nuovo gruppo con un’unica certezza: Lorenzo Di Marcantonio è tornato a disposizione e sarà il suo anno per rilanciarsi con i colori della Virtus che ha sempre creduto in lui e per una città intera che non ha mai smesso di dimostrargli affetto, da lui ricambiato. Le pedine in bilico sono ad oggi i due Andrea: Maggi e Malamov in trattativa con la società, ma molto dipenderà dal nuovo coach. Sul taccuino del presidente Bellifemine ci sono in programma incontri con coach che nelle scorse stagioni hanno ben dimostrato il loro valore come Luca Corpaci, classe 69, nel suo palmares due promozioni con Agrigento, ha avuto un passato illustre anche in serie A, avendo militato, ancora giovane, nella massima serie dal 1985 al 1988 nel Gorizia; Tony Trullo, considerato uno dei più grandi conoscitori della pallacanestro cadetta: è stato anche allenatore di Latina, Trapani, con Brindisi ha vinto la stagione regolare, venendo però eliminato ai play off. In A2 ha allenato a Ferrara e a Rimini. Nel suo palmares una fi nale di coppa Korac da vice allenatore, la coppa di Lega con Roseto e il titolo di allenatore dell’anno di serie B nell’annata 1997/98. Infi ne un’altra ipotesi potrebbe essere Alberto Martelossi ex Barcellona nel 2001 ha portato Pavia in Legadue vincendo anche la Coppa Italia e dopo altre tre stagioni sulla panchina pavese ha allenato a Roseto (anche in A1). Per quanto riguarda le novità della prossima stagione, anche il girone di serie A dilettanti subirà cambiamenti. Facciamo chiarezza riguardo il nuovo regolamento: parteciperanno sedici squadre 1-4 play off, 5-6 permanenza nella categoria, 7-10 play out ad incrocio col girone A, 11-16 retrocessione in B. La Virtus punterà ad arrivare tra le prime dieci in modo da evitare la retrocessione in quest’annata di transizione che porterà a nuovi sconvolgimenti per le stagioni a venire. Il mercato giocatori è in fase di stallo in attesa del nuovo coach, ma la società sta lavorando per rafforzare l’organico dirigenziale per organizzare meglio la prossima stagione.

Autore: Leonardo de Sanctis
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet