Recupero Password
No Berlusconi day, anche Rifondazione aderisce all'appello e alla manifestazione Domenica a Molfetta al Corso Umberto (altezza Galleria Patrioti Molfettesi) dalle 11.30 alle 13 raccolta di firme di adesione alla manifestazione di Roma del 5 dicembre
21 novembre 2009

MOLFETTA - Il 5 dicembre si svolgerà a Roma una manifestazione nazionale, per chiedere le dimissioni del presidente del consiglio, ribattezzata "NO BERLUSCONI DAY".
Il Partito della Rifondazione comunista di Molfetta ha inviato un comunicato con cui condivide  «l'appello lanciato dai promotori: "Berlusconi costituisce una gravissima anomalia nel quadro delle democrazie occidentali e che lì non dovrebbe starci, anzi lì non sarebbe nemmeno dovuto arrivarci: cosa che peraltro sa benissimo anche lui e infatti forza leggi e Costituzione come nel caso dell’ex Lodo Alfano e si appresta a compiere una ulteriore stretta autoritaria come dimostrano i suoi ultimi proclami. Non possiamo più rimanere inerti di fronte alle iniziative di un uomo che tiene il Paese in ostaggio da oltre15 anni e la cui concezione proprietaria dello Stato lo rende ostile verso ogni forma di libera espressione come testimoniano gli attacchi selvaggi alla stampa libera, alla satira, alla Rete degli ultimi mesi".
Nel contempo – continua il comunicato - è necessario dare vita all'opposizione sociale nel Paese: contro i licenziamenti e la precarietà, per la scuola pubblica laica e gratuita, per un fisco che colpisca la rendita e la speculazione, per i diritti sociali e universali, contro il razzismo e le discriminazioni.

Per questo domenica 22 novembre dalle 11.30 alle 13 il circolo di Molfetta sarà in strada al Corso Umberto I altezza Galleria Patrioti Molfettesi per raccogliere le adesioni dei cittadini e delle cittadine molfettesi alla manifestazione del 5 dicembre a Roma».
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
SALVATE IL SOLDATO BERLUX-RAIAN - Una minaccia grave incombe sul nostro amato Silvio; si sono mobilitati tutti i suoi media, corre un pericolo grave! SALVIAMOLO dai pazzi di facebook. Istituzioni tutte unitivi, popolo della rete abbiamo un dovere morale nel trovare UNA SOLUZIONE CHE LO PROTEGGA. QUI NASCE IL COORDINAMENTO E SUPPORTO PER SILVIO. SALVIAMOLO = PROTEGGIAMOLO. Dopo studi attenti valutiamo la riapertura DEL SUPER CARCERE DELL'ASINARA; portiamolo lì, proteggiamolo, nella sua Sardegna e mettiamolo al sicuro. Un edificio a prova d'attacco inviolabile dove lì sarà osservato, protetto, rinchiuso per il suo bene. Non possiamo permettere di rischiare. LUI E' UN PATRIMONIO PER L'UMANITA'. Fondiamo un nuovo gruppo su facebook: riaprimo l'Asinara e salviamo SILVIO. Lui cosa ha: niente! Ha sacrificato la sua vita per dare al popolo la libertà e pensate ci ha dato anche il nome nostro: popolo delle libertà ... E' solo, tradito dalla Veronica, perseguitato da dozzine di processi, difeso solo dalle sue televisioni, giornali, stampa, radio, rotocalchi, parlamento, camera e senato e ministri ... ha solo in mano il governo ...ed un impero dove poverino deve pure 750 milioni di euro. Ma dopo averlo messo in SICUREZZA, partiremo con la più grande PETIZIONE: PAGHIAMO LA MULTA A SILVIO. Dalla Fininvest alla Reinvest: reinvestiamo i soldi non pagati per il canone Rai e diamoglieli tutti a lui. Cantiamo ora in coro l'inno nazionale: Fratelli del nano, / l'Italia s'è destra, ... Siam pronti alla morte, il Nano chiamò. ---[FR]---




Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet