Recupero Password
Molfetta vecchia, riprendono i lavori dell'isolato 6
28 dicembre 2002

MOLFETTA – 28.12.2002 Riprenderanno a breve i lavori di risanamento dell'isolato 6 di Molfetta vecchia. Così lascia sperare una delibera di giunta che riattiverebbe il recupero dell'isolato, fermo da molti mesi per via di una perizia geotecnica che ad aprile obbligò il direttore dei lavori a sospendere l'opera di risanamento. Necessaria una nuova di tipologia di fondazioni, era stato il verdetto dei rilievi tecnici eseguiti sull'area interessata dal recupero. La perizia imponeva, quindi, di procedere a una nuova variante di progetto. Qualche giorno fa, il riavvio dei lavori. Con la decisione della giunta di prendere atto della perizia suppletiva e di variante del progetto di consolidamento dell'isolato 6. I lavori di risanamento igienico-funzionale di quest'area del centro storico di Molfetta furono avviati nel 1997 e da allora è la ditta “Olimpo s.r.l.” di Roma a portare avanti la realizzazione del progetto di recupero (importo complessivo dell'opera, poco meno di 2 miliardi e mezzo di vecchie lire). A giugno 1998, la prima interruzione. Una sospensione ordinata, anche allora, per poter redigere una perizia di variante che adeguasse il progetto a nuove prescrizioni regionali in materia di recupero dei centri storici. Passarono due anni prima che i lavori potessero essere riattivati. Il 2 ottobre 2000 la stessa impresa di Roma riprese l'opera di risanamento: ma anche quest'ultima tranche ha dovuto interrompersi il 3 aprile scorso. La presa d'atto dei giorni scorsi della perizia di variante, dell'importo pari a poco meno di 2 milioni di euro, dovrebbe consentire il riavvio dei lavori. Che comunque potranno riprendere solo dopo che si sarà espresso con parere favorevole anche lo Iacp di Bari. Intanto vanno avanti le procedure per il recupero dell'isolato 16: anche in questo caso si è dovuto procedere alla presa d'atto di un progetto di variante. Qui le gru della ditta "Michele Balacco Costruzioni" di Molfetta sono al lavoro dal 1998. Per un importo complessivo pari a 4 miliardi e 600 milioni di vecchie lire. Il nuovo progetto prevede una riduzione del programma costruttivo a causa delle condizioni statiche degli immobili sottoposti a recupero. Fissato, in questo caso, il termine ultimo consentito per la consegna dei lavori: giugno 2005, termine ultimo anche per l'espletamento dell'iter di espropriazione e occupazione d'urgenza degli immobili che non sono di proprietà comunale. Tiziana Ragno
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet