Recupero Password
Molfetta, una storia di ordinaria arroganza, ovvero … ancora una volta patisce il comune cittadino
07 settembre 2007

MOLFETTA - Abbiamo ricevuto dal Dott. Francesco Stanzione una lettera con la quale denuncia una situazione di arroganza e di malcostume che purtroppo stanno diventando molto frequenti a Molfetta e contro i quali non si fa nulla. E a rimetterci sono sempre le persone educate e che rispettano la legge. Ecco il testo della lettera: “Ieri sera, 6 settembre 2007, poco dopo le ore 21.00, sono stato vittima, come tanti del resto negli ultimi tempi a Molfetta, della arroganza di qualcuno che pensa di essere più dritto degli altri, senza che la cosiddetta “giustizia” provveda a castigarlo come fa spesso invece con i più deboli. Avevo regolarmente parcheggiato in corso Dante (nella foto, una veduta della strada), dinanzi al Movimento per il Buon Governo esattamente di fianco alla cassa armonica eretta per la festa patronale, intorno alle ore 19,00. Alle ore 20,30 vedo che alcuni vigili “intelligentemente” mi avevano bloccato con delle transenne e oltre le transenne c'erano alcune auto parcheggiate praticamente in doppia fila. Ho fatto presente ai vigili che al momento in cui avrei avuto bisogno di uscire non sarebbe stato possibile e che avrei piantato loro una grana se non mi fosse stato possibile uscire presto da quel blocco (quindi avevo davanti una transenna e dietro di essa una macchina parcheggiata in doppia fila e non si capisce né perché abbiano messo la transenna e né, tanto meno, perché i vigili abbiano consentito la doppia fila, quando c'è uno di loro, ben noto a tutti, che per molto meno fa multe pure alla moglie. Poco dopo le ore 21,00 quindi, inizia il temporale ed io che mi trovavo all' interno della Chiesa del Purgatorio, decido con altre due persone, di andar via con l' auto. Era impossibile uscire, dovevo ritirarmi subito perché mi attendevano a casa e sono stato ben oltre una mezzora a fare una manovra impossibile con spostamenti avanti e dietro con la macchina per poter uscire; oltre tutto bagnatissimo perché ho dovuto spostare due transenne sotto il diluvio e con gli occhiali appannati e bagnati. Ho pure raschiato la mia auto a causa di quel palo assurdo della illuminazione per la festa patronale che hanno messo in mezzo all' imbocco di accesso a piazza municipio, venendo dal borgo, e sulla cui presenza ci sarebbe tanto da dire. La macchina che mi impediva di uscire era una Mercedes C220 grigio metallizzata e targata ….. (abbiamo preferito omettere la targa per un motivo di privacy, ndr) appartenente a non so chi. So di certo però che il proprietario di quell' auto dovrà essere per forza un prepotente, un arrogante ed uno che vive nel disprezzo dei diritti degli altri, perché non è consentito a nessuno intralciare l' attività regolare di un altro cittadino; oltre tutto… e se avessi dovuto correre a casa perché era successo qualcosa ad uno della famiglia? Senza contare i dolori artrosici che sono subentrati in conseguenza dell' acqua presa e tenuta addosso per mezzora e più. Con me c' erano altre due persone, tra cui una che di professione è avvocato a cui ho dato mandato di procedere affinché, per lo meno, si tenti di smuovere i vigili a fare la multa al cittadino scorretto che ha parcheggiato abusivamente ed in modo barbaro la sua auto. Sorvolo poi sulla qualità del servizio pubblico (chi ha orecchie per intendere intenda), nella speranza di non finire, come si dice “cornuto e razziato”. dott. Francesco Stanzione
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""





Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet