Recupero Password
Molfetta tra i possibili giacimenti di oro nero. Incombe la minaccia petrolio
20 dicembre 2009

MOLFETTA - C’e anche Molfetta, tra le sette località individuate dallo stato come possibili siti di trivellazione per estrarre petrolio.
La notizia arriva stamane tramite le pagine della Gazzetta del Mezzogiorno e già fa discutere in città.
Secondo quanto riportato dalle pagine del quotidiano pugliese, sui tavoli delle Capitanerie di porto competenti sono arrivate richieste per l’avvio di attività in mare (le cosiddette prospezioni petrolifere, ndr) per la ricerca di possibili giacimenti con colpi di proiettili ad aria, tecnicamente “air gun” e potenti sonar (secondo alcuni causa del disorientamento dei sette capodogli spiaggiati a Foce Varano e poi morti per aver ingerito i rifiuti presenti nel nostro mare, ndr).

I siti pugliesi individuati dal governo per l’estrazione del petrolio sarebbero al momento sette, ma potrebbero salire addirittura a quindici.
Queste le aree individuate: isole Tremiti (sede di una delle più estese riserve marine di Puglia, e sito di rilevanza turistica), Taranto, Gallipoli, Carovigno, Torre Egnazia, Monopoli e Molfetta.
La ricerca del petrolio si sta concentrando sui fondali del litorale pugliese, e il numero dei siti individuati è destinato a salire. Una ricerca quella dell’oro nero che promette di portare solo danni, sia per l’esiguità dei possibili giacimenti, la cui portata si esaurirebbe, secondo alcuni, in poco più di un anno e mezzo, sia per l’ingente danno ambientale che metterebbe in ginocchio in Puglia, il turismo, e a Molfetta, l’ecosistema marino compromettendo per sempre le attività legate al settore della pesca.
Di tutta questa manovra sembra però che Regione e Comuni non ne siano al corrente, o meglio hanno saputo di questa campagna di ricerca del petrolio ormai a cose fatte, quando cioè non era più possibile esprimere alcun parere.
Lo scorso gennaio però, fanno sapere dal ministero dell’Ambiente, è stata inviata una lettera alle amministrazioni delle città costiere interessate, lettera che sembrerebbe non essere mai arrivata agli uffici dei Comuni interessati, che si difendono dicendo di aver saputo delle prospezioni petrolifere in mare quando ormai in corso e già disposte dal ministero.
Una situazione questa che fa discutere, sia sotto il punto di vista ambientale, sia sotto il punto di vista economico. Molfetta dall’estrazione del petrolio ne trarrà ben pochi benefici se non quelli di avere un mare più inquinato, un ecosistema marino distrutto e un economia che non trarrà alcun aiuto, perché se il petrolio arricchirà qualcuno di certo non saranno i molfettesi, ma lo Stato che ricaverà gli introiti derivanti dall’estrazione. E tra i più, c’è già a chi pensa alle conseguenze ambientali che dovrà sopportare la città, con pozzi di petrolio sparsi su tutto il territorio tra colture inquinate e possibili aumenti di patologie tumorali.  
Insomma, un altro scempio ambientale è in arrivo per Molfetta, a cui speriamo il nostro sindaco Antonio Azzollini vorrà opporsi per tempo e non quando sarà troppo tardi (vedi caserma della capitaneria, ndr) insieme all’assessore all’Ecologia della regione Puglia, Onofrio Introna, che ha già dichiarato guerra al governo. «Si tratta di scelte scellerate. Appena arriveranno i decreti, stia pur sicura il ministro - dice Introna rivolgendosi al ministro Stefania Prestigiacomo - che saranno impugnati dalla Regione».
E così, per Natale si pensa già al regalo per la città, una bella piattaforma per l’estrazione di petrolio, per far sentire tutti i molfettesi un po’ sceicchi e un po’ nababbi.
Autore: Giovanni Angione
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""

"Troveremo il petrolio a Molfetta" - "Se a Molfetta troveranno il petrolio, mi taglierò i cosiddetti......! Quando scende in ciel la sera Ed infuria la bufera Più non canta capinera, è finita primavera, vi saluta e se ne va... L'acqua scende e bagna tutti, siano belli siano brutti, siano grandi oppur piccini, metà prezzo ai militar... Con l'acqua che scende, che scroscia e che va, Pierino in angosce calosce non ha... È arrivata la bufera, è arrivato il temporale, chi sta bene e chi sta male, e chi sta come gli par... Nella notte profonda, sembra che uno glielo avesse detto, e invece non glielo aveva detto che poi anche se glielo avesse detto quello lì non ci sentiva sai come succede in queste cose qua... È arrivata la bufera È arrivato il temporale Senza pepe senza sale La minestra non si fa... (Secondo strapazzo) Nel suo morbido lettino, dorme placido Pierino e suo zio ch'è di Voghera sta danzando l'habanera mentre infuria il temporal il suo babbo è minatore e ogni dì gli batte il cuore ma se un dì non batterà quasi certamente, forse chi sa, può darsi che morirà... È arrivata la bufera È arrivato il temporale Chi sta bene e chi sta male E chi sta come gli par... Un uomo si scuote, fa un salto mortale Il padre lo bacia, lo bacia suo padre, gli dà un altro bacio e una scarpa sul naso e poi un altro bacio, poi ci ripensa e gli dà un'altra scarpa sul naso e poi se ne va... È arrivata la bufera È arrivato il temporale Chi sta bene e chi sta male, e chi sta come gli par....(R.Rascel)


Vorrei fare due piccole considerazioni sul contenuto della newsletter: 1) ...secondo alcuni, si esaurirebbe in pochi anni... 2) ...colture inquinate e possibili aumenti di patologie tumorali... Mi sembrano due "previsioni" piuttosto forzate. Per la prima previsione, non credo che nessun Ammnistratore di Società petrolifera, in possesso di tutte le sue facoltà intellettive, potrebbe mai autorizzare un investimento (come quello di una "prospezione petrolifera off shore") senza una pur minima garanzia di ritorno generosissimo dell'investimento. Per il secondo punto, vorrei invitare chi scrive di questi "allarmi", ad evitare di seminare ...panico inutilmente. Non credo esista alcuna connessione sientificamente dimostrata fra l'uso del greggio e l'insorgenza di patologie, laddove l'uso del petrolio viene limtato alla sola estrazione lavorazione con tecnologie moderne e sicure; per non parlare del "terreno inquinato, e di conseguenza delle colture" - ma da che, se la ricerca e l'estrazione avverrebbe in mare. Semmai mi preoccuperei dell'eco sistema marino. Detto questo, anch'io non sono certo favorevole a questa nuova iniziativa, DI CUI, come letto, LE AUTORITA' LOCALI, ANCORCHE' AVVISATE, con cartolina postale mai pervenuta?, NON SANNO NULLA!!!! Non posso immaginae che le famose LOBBYES petrolifere abbiano tanto potere da montare un simile "marchingegno", gabbando Autorità centrali e periferiche. Frose sarebbe auspicabile raccogliere informazioni più puntuali e poi magari fare un'inchiesta un pò meno generica (soprattto alla luce dell'importanza dell'agomento). Queto anche per il fatto che, comunque il petrolio è "perdente" come fonte di energia, visto lo sviluppo, pur travagliato delle nuove tecnologie energetiche. Si tratterà allora di ricerche per l'individuazione di "riserve strategiche"?, ed allora è il Governo centrale che deve dire la sua, senza equivoci, sulla materia.


Molfetta la città del Caravan Petrol? E perchè no! Caravan petrol caravan petrol caravan petrol caravan mm'aggio affittato nu camello mm'aggio accattato nu turbante nu turbante 'a rinascente cu 'o pennacchio russo e blu cu 'o fiasco 'mmano e 'o tammurriello cerco 'o ppetrolio americano mentre abballano 'e beduine mentre cantano 'e ttribbu' comme si' bello a cavallo a stu camello cu 'o binocolo a tracolla cu 'o turbante e 'o narghile' hue' si' curiuso mentre scave stu pertuso scordatello nun e' cosa cca' 'o ppetrolio nun ce sta allah allah allah ma chi t'ha ffatto fa' comme si' bello a cavallo a stu camello cu 'o binocolo a tracolla cu 'o turbante e 'o narghile' cu 'o fiasco 'mmano e cu 'o camello cu 'e gguardie 'nnanze e 'a folla arreto 'rrevuta' faccio tuledo nun se po' cchiu' cammena' jammo e' arrivato 'o pazzariello s'e' travestuto 'a menelicche 'mmesca 'o ppepe cu 'o ttabbacco chi sarra' st'ali' babba' comme si' bello a cavallo a stu camello cu 'o binocolo a tracolla cu 'o turbante e 'o narghile' hue' si' curiuso mentre scave stu pertuso scordatello nun e' cosa cca' 'o ppetrolio nun ce sta comme si' bello a cavallo a stu camello cu 'o binocolo a tracolla cu 'o turbante e 'o narghile' comme si' bello a cavallo a stu camello cu 'o binocolo a tracolla cu 'o turbante e 'o narghile' hue' so' curiuso mentre scave stu pertuso scordatello nun e' cosa cca' 'o ppetrolio nun ce sta allah allah allaha ma chi mm'ha ffatto fa' comme si' bello a cavallo a stu camello cu 'o binocolo a tracolla cu 'o turbante e 'o narghile' caravan petrol caravan petrol caravan petrol caravan petrol caravan caravan petrol caravan petrol caravan petrol caravan petrol caravan petrol




Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet