Recupero Password
Molfetta, torna Città Aperte 2011 – Tesori d'Arte Sacra
24 luglio 2011

MOLFETTA - Promossa dall’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia, di concerto con le Aziende di Promozione Turistica (APT), l’iniziativa 2011 di “Città Aperte” vede nuovamente impegnati per la valorizzazione delle eccellenze dei diversi territori pugliesi tantissimi comuni e, da quest’anno, pure le diocesi. Anche la città di Molfetta parteciperà con un ricco cartellone di iniziative e percorsi turistico – culturali; in questa edizione le si affianca la diocesi di Molfetta, Ruvo, Giovinazzo, Terlizzi, particolarmente sensibile alla valorizzazione e alla promozione del territorio e delle sue bellezze, attraverso l’apertura straordinaria di luoghi di proprietà ecclesiastica, alcuni dei quali solitamente inaccessibili.
Tra le numerose iniziative, che da luglio a settembre animeranno il borgo cittadino, una giornata in particolare, sarà dedicata al patrimonio ecclesiastico con aperture straordinarie e visite guidate gratuite ad alcune tra le chiese più belle della città ed al Museo Diocesano, che conserva i molteplici “tesori” che provengono dal territorio, testimonianze materiali di un vissuto di fede e devozione della diocesi.
L’apertura e le visite guidate saranno realizzate dalla Cooperativa FeArT (ente gestore del Museo Diocesano) con il patrocinio dell’Ufficio per i Beni Culturali e l’Arte Sacra e l’Ufficio per la pastorale del Tempo Libero, Turismo, Sport e Pellegrinaggi che fin da subito, insieme al Vescovo, hanno supportato e incoraggiato il progetto “Città Aperte 2011” presentato in Regione.
L’idea di fondo è di offrire un’opportunità di conoscenza e di valorizzazione non solo per i turisti, ma anche per i pugliesi stessi, spesso inconsapevoli beneficiari di un importante e ricco patrimonio dislocato sul territorio. La Cooperativa, supportata dagli uffici diocesani e affiancata da guide competenti e qualificate, realizzerà percorsi turistico-culturali, consentendo una più ampia fruizione del patrimonio ecclesiastico, testimonianza viva dell’identità di un territorio, e aiutando il visitatore a cogliere il valore intrinseco di un bene al di là della sua bellezza puramente estetica, entrando nel vissuto dei singoli monumenti, che da secoli sono centro vivo della religiosità diocesana. Questa iniziativa è per la comunità intera, nonché per la diocesi, un momento unico per poter risarcire i “nessi” ed i collegamenti tra gli oggetti, i luoghi da cui provengono e la storia che li rappresenta, per di più un importante occasione di riflessione per superare l’idea classica di Museo, quale contenitore delimitato e statico, in considerazione della vastità del patrimonio storico-artistico ed ecclesiastico diffuso sul territorio come un grande “museo a cielo aperto”.
I percorsi elaborati sono inquadrati in ambiti tematici e costruiti intorno a significative testimonianze che trovano un punto di congiunzione nella struttura museale, luogo di conservazione e fruizione di opere che testimoniano un’identità territoriale che supera i confini geografici ed i limiti temporali, generando, in chi lo visita, la possibilità di conoscenza vera e significativa di un popolo, della sua storia e delle sue radici di fede.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet