Recupero Password
Molfetta rallenta fallisce lo scontro diretto col Real Altamura Si spera nello spareggio prima di rassegnarsi ai play-out
15 aprile 2008

Come l'anno scorso, le ultime gare del torneo si sono rivelate fatali per il Molfetta. Dopo aver marciato nel girone di ritorno ad un ritmo sostenuto, fi no a vantare in 15 gare il miglior bilancio dopo la capolista Francavilla (24 punti, 9 vittorie, 6 sconfi tte, nessun pareggio), i biancorossi nelle successive tre gare hanno racimolato solo due punti, insuffi cienti a reggere il ritorno del Real Altamura che incassava tre vittorie. Dopo la sosta di Pasqua, il Molfetta vantava 2 punti di vantaggio sul Real, con 4 gare da giocare. Contro il Lucera, allora seconda in classifi ca, i biancorossi marcavano la decima vittoria, 8ª nel ritorno, al termine di una prestazione saggia nel primo tempo e determinata nella ripresa, coronata dalle retri di Fanfulla e Paparella. Nella successiva gara, il Molfetta era chiamato alla prova di Cerignola. La partita si annunciava insidiosa: un campo solitamente ostico, un avversario motivato a lasciare il penultimo posto in vista dei play-out, un centrocampo da inventare per la squalifi ca di Luciani. Come spesso è successo quando a centrocampo Di Giovanni non ha potuto schierare la coppia Luciani – Di Bari, i biancorossi oltre a palesare una fragilità tattica, fallivano l'approccio alla gara: troppo remissivi, al cospetto di un avversario che nel primo tempo si avvicinava con troppa continuità all'area molfettese. A furia di provarci il Cerignola benefi ciava di due rigori, inutile e ingenuo fallo di Sigrisi e per un tocco di mano per molti involontario di Di Bari. Musacco si rivelava uno specialista e sul primo penalty compiva il miracolo, sul secondo invece, indovinava la traiettoria ma non intercettava la palla. Nella ripresa i biancorossi abbozzavano una reazione, che però non appariva convinta e continua, creavano in mischia qualche azione pericolosa, ma poi venivano punti dal raddoppio del Cerignola in contropiede. La sconfi tta in terra foggiana, cambiava lo scenario alla vigilia dello scontro diretto al “Poli”, per la concomitante vittoria esterna del Real Altamura ad Ostuni (0-2), che così, dopo 5 giornate, ritornava davanti al Molfetta in classifi ca, con un solo punto di vantaggio. Il 6 aprile andava in scena l'epilogo della sfi da per la salvezza diretta. Sarà stata l'importanza della posta in palio, ma ancora una volta il Molfetta palesava le solite amnesie iniziali e il Real, con un gioco fl uido ed incisivo sulle fasce, per lunghi tratti manteneva il pallino in mano, creava diverse occasioni, fallite per l'imprecisione degli attaccanti. Nella ripresa i biancorossi entravano con il piglio giusto, Di Bari e Luciani conquistavano il centrocampo e il tridente Fanfulla-Lacavalla-Ppaparella, dava l'impressione di poter incidere. Quando sembrava che le cose stessero girando per il verso giusto, il Molfetta subiva una rete incredibile: il tecnico attaccante Bellante, con la palla al piede, si portava fi no alla linea di fondo all'interno dell'area piccola, per poi servire su un piatto d'argento l'assist vincente per la deviazione vincente di Basile. Il Molfetta reagiva scomposto e lo spettro dei play-out aleggiava sul “Poli”. Per la disperazione i molfettesi si buttavano in avanti e, a 10' dal termine, trovavano il pareggio con Tesse che di testa appoggiava in rete una palla pennellata da Lacavalla. Al termine della gara la delusione era palpabile. Tutto diventava più diffi cile, soprattutto perché il destino era rimasto nelle mani del Real. Nella successiva trasferta contro il Liberty Bari, il Molfetta era chiamato a vincere e sperare in qualche passo falso del Real che ospitava il Lucera in lotta per un posto nei play-off. Contro un avversario che non regalava nulla, ma che neanche ci teneva a fare la gara, il Molfetta si complicava la vita da solo. Per due volte regalava, per disattenzione e cattiva sorte, due occasioni agli avversari che non fallivano e per due volte recuperava il risultato, prima con Angelico e poi con un ispirato Paparella. Nella ripresa i biancorossi si lasciavano assalire da un'isterica frenesia, non ragionavano e, pur in superiorità numerica, si ostinavano ad intasare il fronte d'attacco. Mancava un pizzico di buona sorte: Paparella prima colpiva la traversa e poi si vedeva respingere sulla linea una conclusione. A spargere il sale sull'ennesima delusione, la sofferta vittoria del Real sul Lucera (1-0), che saliva a + 3 in classifi ca. L'epilogo del campionato lascia amaro in bocca, per una impresa che ad un certo punto era nelle mani del Molfetta. Forse i biancorossi hanno puntato troppo sullo spareggio al “Poli” per scoprirsi poi fragili nel gestire una gara importante. A soli 90' dal termine, il Molfetta si aggrappa alla tenue speranza dello spareggio con il Real. Occorrerà che i biancorossi vincano l'ultima gara contro il Massafra (20/04) e che il Real perda a Cerignola. Altri risultati condannerebbero il Molfetta ai Play-out, insieme a Mesagne, Cerignola e Maglie. In tal caso, i biancorossi affronteranno con gare di andata e ritorno, la compagine che si piazzerà al penultimo posto. Prima gara fuori casa. Le perdenti scenderanno in Promozione. In caso di parità di risultati nel doppio confronto, si terrà conto della classifi ca fi nale. Comunque vada, il Molfetta ha dimostrato che ha le capacità per salvare la categoria. L'importante sarà arrivare ai play-out con la mente libera da ogni recriminazione, amarezza e delusione.
Autore: Francesco Del Rosso
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet