Recupero Password
Il WWF di Bisceglie incontra il nuovo sindaco Nell'incontro si è discusso anche del tratto di costa fra Bisceglie e Molfetta
12 agosto 2006

BISCEGLIE - Verde pubblico, futuro della costa di levante, gestione dei rifiuti e Piano Comunale delle Coste sono stati i temi discussi nell'incontro tra la delegazione del WWF e il Sindaco di Bisceglie, avv. Francesco Spina. Su tutti gli argomenti affrontati si è sviluppato un dibattito costruttivo che ci si augura possa incidere positivamente sulle questioni ambientali della città. Sviluppando una proposta avanzata ai candidati alla carica di sindaco della città, successivamente integrata nel programma elettorale della coalizione vincente, il Gruppo Attivo WWF ha consegnato nelle mani del Sindaco il progetto di massima per la realizzazione del “Giardino degli Ulivi” nel quartiere del Seminario, ovvero uno schema iniziale su cui sviluppare il modello definitivo, corredato con rilevazioni fotografiche dei luoghi giudicati più favorevoli alla costruzione della nuova opera: Via Martiri di Via Fani e Via Cala dell'Arciprete. “Il progetto avanzato – afferma un comunicato stampa del gruppo WWF di Bisceglie - esplicita la nostra idea di giardino mediterraneo, ove dominano essenze nostrane, quali l'ulivo e il carrubo, che si adattano perfettamente al nostro clima, con notevoli vantaggi in termini di sopravvivenza degli esemplari, di manutenzione e assistenza fitosanitaria. All'istanza abbiamo allegato una lettera controfirmata da circa 200 cittadini che chiede l'intitolazione di una piazza (o di una via) al Mar. Magg. Carlo De Trizio, il carabiniere ed eroe biscegliese morto in Iraq per difendere la pace tra i popoli. Atteso che l'ulivo è proprio il simbolo della pace, abbiamo avanzato l'idea di intitolargli proprio il “Giardino degli Ulivi””. La modifica del Piano Comunale delle Coste è stato uno degli argomenti di discussione di maggiore interesse, in quanto dovrà essere sicuramente rielaborato e quindi il Comune di Bisceglie dovrà presentarne alla Regione uno nuovo, o semplicemente adeguare il vecchio alle nuova normativa, o, se vuole, usufruire di eventuali nuovi spazi di manovra. A tal proposito il Sindaco ha assicurato un deciso cambiamento di rotta rispetto all'esperienza della passata amministrazione ed ha garantito il coinvolgimento del WWF nella fase di stesura del nuovo documento. “ Nel nuovo piano - continua la nota stampa - non potranno essere date concessioni in tratti ricadenti nella spiaggia della Lama Paterna (Ponte Lama), anzi tale spiaggia nel futuro piano non dovrà essere neanche conteggiata nel totale del demanio da ripartire. Nel vecchio piano, invece, lo era. Anche gran parte delle spiagge della costa di levante (zona Pantano-Ripalta) non risultano computabili ai fini della ripartizione, perché o non balneabili o ricadenti in tipologie di aree elencate all'inizio. Nel vecchio piano, di quella zona, era ricompresa solo una spiaggia, a Ripalta: anche Ripalta dovrà essere depennata. Le suddette spiagge devono essere escluse dalla base percentuale del demanio, prima ancora di effettuare qualsiasi suddivisione. Secondo i nostri calcoli, solo circa 2 km di spiaggia potrebbero essere destinati “ad uso pubblico e alla libera balneazione”, per cui sarà fondamentale che lo strumento della concertazione possa trovare nel futuro PCC di Bisceglie una concreta applicazione, affinché i cittadini possano godere in piena libertà delle migliori spiagge biscegliesi”. In quanto al verde pubblico, il Sindaco ha convenuto che è necessario trovare le migliori soluzioni a problematiche che negli anni passati non sono state risolte. “A tal proposito – sostengono gli esponenti biscegliesi - abbiamo rilanciato la necessità inderogabile del Regolamento del Verde pubblico e privato ed ha avanzato la candidatura delle Guardie Ambientali Volontarie del WWF Puglia al controllo delle campagne”. Riguardo il ricorso presentato per l'area Pantano - Ripalta innanzi alla Sede di Bari del Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia, il WWF Italia, nella persona del Presidente nazionale Fulco Pratesi, difeso dall'avv. Michele Carnevale del Foro di Bari, per chiedere l'annullamento della deliberazione del Consiglio Comunale di Bisceglie n. 97 riguardante la costruzione di un Motel in area Pantano, il Sindaco ha affermato di voler aspettare la sentenza e che ogni decisione sul futuro assetto territoriale della costa di levante è rimandata successivamente alle decisioni del TAR. Tuttavia è stato ribadito, contro ogni ipotesi speculativa, che l' obiettivo unico è l'istituzione dell'Area Naturale Protetta. “Dopo anni – conclude il comunicato - di ostracismo ingiustificato nei confronti del Gruppo Attivo WWF, che si è sempre distinto per la sua capacità propositiva e la sua propensione al dialogo, abbiamo la sensazione che il nuovo corso annunciato dal Sindaco Spina sia compiendo i primi passi. Il WWF, nel ribadire la sua indipendenza da qualsiasi logica politica e partitica, ringrazia il Sindaco per la sua disponibilità al dialogo e si aspetta di poter veder finalmente realizzate le sue idee dopo un lungo periodo di battaglie e di paziente attesa. Non nascondiamo tuttavia la nostra preoccupazione per alcune situazioni di degrado che ancora persistono nell'agro (si vedano le microdiscariche) e per la condizione di estremo abbandono delle spiagge di Ripalta e Pantano, invase da sporcizia e amianto”.
Autore: Domenico Sarrocco
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet