Recupero Password
Il regista Giulio Mastromauro al Liceo Scientifico
15 giugno 2014

Ci sono momenti nella vita in cui si è stanchi di ciò che si ha (o che non si ha), di quello che si “è” (o di quello che non si è”). Mi riferisco a quei momenti in cui si è deciso che è ora di dire “BASTA!” e che una rinascita (palingenesi) continua potrebbe aiutare ad affrontare al meglio quei momenti di difficoltà che vanno affrontati tutti i giorni, contro le vecchie abitudini, contro ambienti ostili che non aiutano, contro un passato con cui (spesso) non sono ancora stati chiusi i conti… E’ il senso e il messaggio finale di cui si è fatto portatore il corto “Carlo e Clara” del giovane regista Giulio Mastromauro, girato interamente a Molfetta, nella sede del Liceo Classico “L. da Vinci”, nell’estate del 2012, con un cast di tutto rispetto, e che in questi giorni è in lizza nell’ambito del concorso nazionale del “David di Donatello”, che premia i cortometraggi più iridati degli ultimi anni, attraverso il combinato disposto del giudizio di una giuria tecnica e del voto popolare on line. Grazie alla sensibilità del Dirigente Scolastico, prof.ssa i Margherita Anna Bufi, il giovane regista ha potuto incontrare tutti gli studenti e parlare loro anche della sua esperienza di vita, di giovane professionista che dopo la laurea decide di “rinascere…” ancora, riprendendo a venticinque anni gli studi per intraprendere la carriera cinematografica. Perché sia chiaro: cambiare richiede impegno, dedizione, costanza, energia, determinazione e la convinzione che non c’è niente di predeterminato e che si può prendere in mano la propria vita e darle la direzione che si desidera solo se si dà voce alle proprie passioni. Del resto, più di duemila anni fa, una certa persona aveva invitato i suoi uditori, in una delle tante sue esternazioni pubbliche, a “diventare bambini”, cioè a considerare sempre con rinnovato impegno ed entusiasmo i cambiamenti della propria vita, senza farsi appesantire dalle precomprensioni e dai pregiudizi di chi considera l’esistenza una realtà monolitica chiusa e precostituita. Gli alunni del Liceo Scientifico “A. Einstein” hanno mostrato di gradire non solo il cortometraggio ma anche il messaggio ad esso sotteso ed hanno assicurato il proprio voto on line come segno di ringraziamento al regista Giulio Mastromauro, invitando, nel contempo, i propri coetanei a fare altrettanto usando il seguente link http://www.booksprintedizioni. it/votazione-david-di-donatello/ corto.asp?id=3315, perché le idee originali vanno premiate e anche coloro che sulle proprie gambe le fanno camminare. Il corto “Carlo e Clara” ha poi vinto il primo premio del “David di Donatello”.

Autore: Prof. Angelo Pappagallo
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet