Recupero Password
Gli auguri pasquali del vescovo della Diocesi di Molfetta mons. Domenico Cornacchia
Mons. Domenico Cornacchia
18 aprile 2022

 

MOLFETTA – Ecco il messaggio del vescovo della Diocesi di Molfetta, Giovinazzo, Terlizzi e Ruvo, mons. Domenico Cornacchia per la S. Pasqua 2022: «Finalmente siamo protagonisti, ciascuno come può, di una lenta, ma progressiva ripresa verso il recupero anche delle manifestazioni liturgiche o inerenti la pietà popolare, intrise di autentica fede.

Ringraziamo davvero il Signore!

La bellezza di quanto stiamo celebrando, tuttavia, è offuscata dai roboanti lanci di bombe su molte città e villaggi dell’Ucraina, con migliaia di morti tra bambini, anziani, deboli, indifesi; senza contare quei giovani ed inesperti militari. Quanta inutile sofferenza! Quante famiglie non saranno più come prima, con lutti, feriti, sfratti subiti, emigrazione forzata verso Paesi dalle frontiere aperte.

Siamo tutti testimoni della gara di solidarietà scattata in ogni dove e da ogni persona, singola o collettiva, per alleviare, almeno in parte, questa mole di dolore. Un grande, grande grazie a quelle persone e strutture che hanno accolto famiglie di profughi, qui in Diocesi.

Celebriamo la Pasqua, che è la più grande e solenne festa per noi cristiani. I giorni della Settimana Santa sono sempre un’occasione per rivivere l’emozione dei tempi della nostra infanzia, ma soprattutto per dare un’impronta indelebile alla nostra fede in ogni stagione della vita. In questi giorni celebriamo il memoriale della Passione, Morte e Risurrezione del nostro Redentore. Noi pure possiamo pre-gustare la vittoria che ha visto Cristo come protagonista. L’antico inno dell’Exultet, che ha dato inizio alla Veglia di tutte le Veglie, la notte di Pasqua, tra l’altro afferma: Gioisca la terra. La luce del Re eterno ha vinto le tenebre del mondo! E ancora, il bellissimo inno Victimae paschali laudes, del giorno e dell’ottava di Pasqua, così dice: Morte e vita si sono affrontate in un prodigioso duello. Il Signore della vita era morto; ma ora, vivo, trionfa.

Oggi purtroppo, si ripete il doloroso duello, con la differenza che, se con Gesù a vincere è stata la vita, ora a prevalere è la morte. Sembra che sia l’odio a prendere il sopravvento, con la disfatta dei poveri, innocenti ed indifesi.

Proviamo ad invertire il senso di marcia!

Carissimi, il Venerabile Don Tonino in una catechesi pasquale affermò: “Pasqua è la Festa dei macigni rotolati”! L’augurio che formulo per ognuno di noi, per le nostre comunità e per il mondo intero è che ciascuno si impegni a rotolare quei massi, dai più piccoli ai più grandi, che impediscono di far esplodere la vita, l’amore e ogni forma di pace duratura. E, se non riusciamo da soli, diamoci una mano gli uni gli altri.

Questa è la vera Pasqua. Auguri!».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet