Recupero Password
Giulio Calvani (PD): “Con il concorso di idee sul water-front Molfetta si proietta verso il futuro in una dimensione europea”
06 marzo 2015

MOLFETTA - “Si tratta di una notizia straordinaria che proietta Molfetta in una dimensione europea”. Con queste parole Giulio Calvani, segretario del Partito Democratico di Molfetta commenta la pubblicazione del bando internazionale di idee “Europan” finalizzato all’acquisizione di proposte progettuali per la riqualificazione del water-front.

“Sono molto soddisfatto per questo risultato perché si tratta di un obiettivo strategico del nostro programma elettorale che abbiamo con successo raggiunto e che è sempre stato molto a cuore al Partito Democratico. Ringrazio per questo l’amministrazione comunale tutta e, in particolare, l’assessore Giovanni Abbattista che con competenza e passione ha lavorato affinchè la nostra città potesse avere una opportunità così importante. Rappresenta per noi tutti e per la nostra città un grande orgoglio constatare come Molfetta sia stata l’unica città italiana ammessa dal Comitato Scientifico a partecipare (assieme a realtà importanti come Barcellona, Vienna, Zagabria o Ginevra, solo per citarne alcune) a questo concorso internazionale, che rappresenta il più importante appuntamento su scala europea, a scadenza biennale, nel campo dell’architettura, dell’urbanistica e del paesaggio. Questa è la più evidente constatazione dell’ottimo lavoro fatto fino ad ora.  Ora sarà finalmente possibile, grazie al contributo che arriverà da architetti, urbanisti e progettisti di tutta Europa, rilanciare il rapporto sempre molto intenso che la nostra città ha con il suo mare, ridisegnando tutto il fronte che va dalla Prima Cala fino all’Ospedaletto dei Crociati in modo che possa finalmente rappresentare, per Molfetta, il miglior volano verso il futuro e verso il suo effettivo e concreto sviluppo”.

“Sarà importante soprattutto – spiega Calvani – che i professionisti che si cimenteranno in questa competizione (e mi auguro ce ne siamo molti anche di Molfetta) sappiano proporre e rappresentare soluzioni urbanisticamente avanzate per collegare in un’unica visione i due versanti del nostro fronte mare, quello a levante e quello a ponente, sanando, con ipotesi progettuali avanzate e innovative, la cesura che oggi esiste e che è anche fisicamente rappresentata dalla Foresteria della Capitaneria di Porto di recente realizzazione, ennesimo scempio lasciatoci in eredità dal centrodestra”.

“Questo concorso – ha proseguito Calvani – deve rappresentare anche una grande occasione di confronto e di crescita per tutta la nostra comunità che sono sicuro saprà cogliere a pieno l’importanza di una iniziativa come questa, capace di segnare in meglio il futuro della nostra città. L’obiettivo principale al quale tutti dobbiamo tendere, infatti, dovrà essere la effettiva e concreta realizzazione della riqualificazione di tutto il fronte mare, e questo sarà possibile solo dotandosi di un importante parco progetti che questo concorso ci lascerà in eredità, in modo da poter intercettare i finanziamenti che soprattutto nell’ambito della nuova programmazione comunitaria 2014-2020 saranno disponibili nei prossimi anni. Parte oggi una sfida imponente per la nostra comunità: cambiare volto a Molfetta ripartendo dalle sue origini, il mare”.

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet