Recupero Password
Festa dei Popoli alla seconda edizione Insieme per promuovere fraternità delle giovani generazioni
15 luglio 2023

Nelle scorse settimane un caleidoscopio di suoni e colori ha pacificamente invaso la villa comunale con la seconda edizione della Festa dei Popoli: le diverse comunità presenti nel nostro territorio si sono date appuntamento per scambiarsi usi, tradizioni, cultura. Promossa dall’InCo Molfetta e organizzata dalla Rete dei Popoli nell’ambito delle Attività di Partecipazione Giovanile, finanziata dal programma Erasmus+ e approvata dall’Agenzia Italiana per la Gioventù, la manifestazione ha inteso celebrare la diversità culturale e promuovere accoglienza e inclusione. Quattro giovani, provenienti da Etiopia, Marocco, Turchia e Ucraina, hanno illustrato lo spirito e gli obiettivi della manifestazione, a partire dallo slogan “Insieme, per conoscersi e fare festa”. Insieme per promuovere lo spirito di fraternità nelle giovani generazioni, per sentirsi realmente cittadini del mondo; di «un mondo fondato sui valori imprescindibili della tolleranza, del confronto, dell’accoglienza, della solidarietà e della pace». Obiettivo che può essere raggiunto solo attraverso un percorso di reciproca conoscenza, contaminazione, arricchimento. Conoscersi significa incontrarsi e raccontarsi, essere consapevoli che ciascuno è chiamato ad avere una visione più ampia, a essere aperto al cambiamento. Fare festa, invece, significa gioire sentendosi parte di un gruppo, di una città; significa incontrarsi e condividere questo momento di gioia anche tra «fratelli di origine e nazionalità diverse... affermare il percorso collettivo di una umanità multiculturale che si rafforza anche attraverso la musica, la danza, l’arte». La Festa dei Popoli è anche (o soprattutto) un momento per fare la pace. Non a caso sono stati proclamati alcuni brani tratti dagli scritti di don Tonino Bello, per il quale «la pace è convivialità, è mangiare il pane insieme con gli altri senza separarsi e l’altro è un volto da scoprire, da contemplare… e la Pace è convivialità delle differenze, è mettersi a sedere alla stessa tavola tra persone diverse». Di pace e di dialogo hanno parlato anche i rappresentanti religiosi intervenuti alla manifestazione. Don Giovanni De Nicolo, direttore dell’ufficio ecumenico e dialogo interreligioso della Diocesi di Molfetta, ha richiamato le parole di Papa Francesco che, nell’enciclica “Fratelli tutti”, ha definito le religioni come fonte di fraternità e di amicizia. Don Giovanni ha esortato a non perdere la speranza, a non smettere di credere nell’uomo e nella pace. Alì Alessandro Pagliara, responsabile delle attività culturali della Comunità Islamica di Bari, intervenuto anche a nome della CIDI (Comunità Islamica d’Italia), ha letto alcuni versetti del Corano che evidenziano la fratellanza e la missione che ogni mussulmano ha il dovere di portare avanti nella sua vita. A nome della Comunità Ortodossa Rumena è intervenuto Padre Ionut Diaconu, parroco della parrocchia ortodossa romena San Clemente di Trani, che ha incentrato la sua riflessione sulla parola “popolo”: «Nazione, lingua, patria definiscono un popolo ma cos’è una nazione? È un sistema di valori in cui nasci senza che ti è stato chiesto e che apprendi sin dagli anni della tua infanzia, come fondamento della tua vita sulla terra. Se l’ingresso nella vita avviene in un sistema di valori particolari, la sua fine presuppone valori universali, che trascendono qualsiasi nazione e qualsiasi lingua, come amore, saggezza, ospitalità, perdono…». Ai momenti di riflessione si sono affiancati gesti simbolici. In tanti avevano, ad esempio, un nastro nero al braccio: gesto simbolico per le vittime del naufragio al largo del Peloponneso, alle quali è stato dedicato anche un minuto di silenzio. Alla festa hanno partecipato i rappresentanti di 25 nazioni (tra le quali Albania, Argentina, Messico, Senegal, Palestina, Romania, India, Italia, Pakistan, Russia, Venezuela, Ucraina), ciascuno con la bandiera del proprio Paese, a circondare una grande bandiera della Pace, e sono stati allestiti ben 14 stand che illustravano artigianato, tradizioni, immagini, ricordi e testimonianze, o impegnati nella raccolta fondi a favore di SOS Mediterranee e RESQ people saving people. Presenti il sindaco Tommaso Minervini e l’assessore alla Cultura del Comune di Molfetta Giacomo Rossiello, il quale ha dichiarato: «è bellissimo vedere questa piazza piena di colori, popoli, gioia, allegria. Siamo orgogliosi di ospitare a Molfetta la seconda edizione della Festa dei Popoli ed è bello ospitarla in villa, da sempre luogo di incontro per i cittadini». Nell’ambito della manifestazione, l’associazione InCo ha premiato celebrato i volontari del #CorpoEuropeodiSolidarietà dell’anno 2022-23: circa venti volontari internazionali impegnati in istituti scolastici e in due associazioni che si occupano di anziani e di disabili, affiancati da figure di supporto, ossia tutor e mentor, e i partecipanti al progetto Tandem (scambio linguistico e interculturale). Alla perfetta riuscita della manifestazione hanno contribuito i momenti di musica e spettacolo, a partire dall’originale “Drum Circle” che ha coinvolto i presenti in una travolgente jam session ritmica sotto l’attenta guida di Vincenzo Cantatore di Tamborey Eventi Ritmici, per proseguire con le performance del coro d’istituto dell’IISS Mons. Tonino Bello, diretto dalla prof.ssa Nicoletti, una piece sull’emigrazione italiana negli anni ’30 interpretata dagli attori del Teatro dei Cipis, per concludere con i canti e i balli tradizionali proposti da Cantiere Comune Mediterraneo, Fabulamed e Fabulanova Folk Ensamble. Appuntamento alla Festa dei Popoli 2024. © Riproduzione riservata

Autore: Isabella de Pinto
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet