Recupero Password
Fabrizio Mastropierro il bomber del Novara ammazzagrandi
15 gennaio 2009

È sicuramente uno dei giocatori più talentuosi che l'hockey molfettese può vantare a livello nazionale ed internazionale, anche perché milita nella squadra più vincente dell'hockey su pista, italiano: stiamo parlando di Fabrizio Mastropierro, attaccante dell'Hockey Novara e punto di riferimento di molti giovani hockeisti molfettesi. Mastropierro, classe 1980, iniziò a pattinare all'età di 4 anni facendo poi tutta la trafila delle squadre giovanili, fino ad arrivare giovanissimo alla prima squadra. Con l'Hockey Club ha vissuto la sua stagione migliore quando si è aggiudicato la “Stecca d'Oro”, come miglior realizzatore del torneo di A2. Dopo quella stagione memorabile, fu richiesto da molte squadre e lui scelse lo Scandiano, formazione emiliana che allora militava in serie A1 e soprattutto disputava la Champions League. Da allora, ha cambiato molte squadre giocando a Modena, Salerno, Novara, Trissino e non facendo mai mancare il suo contributo in termini di reti e di esperienza. Del suo talento, si accorse anche il commissario tecnico della nazionale, che lo convocò in azzurro: Fabrizio, non deluse le aspettative anche in quella circostanza, confrontandosi e tenendo testa a giocatori di altissimo livello. Quest'anno, con l'Hockey Novara, sta dando come al solito, il suo prezioso apporto sia in Coppa Cers che in campionato, dove ha segnato reti pesantissime. Quella realizzata ad esempio, contro la corazzata Bassano 54, ha permesso a lui ed ai suoi compagni, di battere una delle squadre più forti del panorama hockeistico italiano ed europeo. Noi di Quindici, lo abbiamo avvicinato, per scoprire le ambizioni ed i progetti, di questo grande giocatore molfettese che ormai da anni, è uno dei protagonisti del massimo campionato di hockey italiano. L'Hockey Novara, sta disputando un buon campionato di A1. Con un tuo gol, proprio allo scadere ad esempio, avete battuto il Bassano 54. Dove volete arrivare? «Il campionato quest'anno è molto equilibrato ed il nostro obiettivo quindi, è quello di fare più punti possibile e qualificarci per i playoff. Avendo battuto corazzate del calibro di Follonica, Valdagno e Bassano, abbiamo acquisito più consapevolezza nei nostri mezzi e questo ci fa ben sperare per il proseguo della stagione». Negli ultimi anni, sei stato uno dei pochi giocatori molfettesi a far carriera. Perché, per un giocatore meridionale, è difficile imporsi a grandi livelli? «E' difficile, perché le società settentrionali, stanno di nuovo lavorando molto sul settore giovanile e non acquistano più un buon giocatore del Sud ma solo gente che fa la differenza. Bisognerà quindi, che anche le società meridionali, ritornino seriamente a lavorare sui giovani talenti, in modo da farli diventare i fuoriclasse del futuro e renderli così, appetibili ai grossi club del Nord». Qual è il giocatore che ammiri maggiormente e l'allenatore che vorresti ringraziare? «Vorrei ringraziare il mio attuale allenatore, Tommaso Colamaria, per quello che mi sta dando sia dal punto di vista umano che sportivo; per ciò che riguarda i giocatori, ammiro tuttora due ex giocatori: Massimo Mariotti perché è stato il più grande e Pino Marzella, perché è stato il più decisivo, quello che da solo era in grado di vincere le partite». Qual è stato, finora, il momento più bello della tua carriera? E quello più brutto? «Il momento più bello, è stato battere il Follonica quest'anno: primo, perché non avevo mai battuto la squadra toscana nella mia carriera; secondo, perché è stata una vittoria sudata, arrivata dopo un periodo non troppo esaltante per noi. Momenti brutti non ne ricordo, anche perché nello sport c'è sempre la possibilità di rifarsi, ma delusioni ne ho avute tante». Segui le sorti della squadra della tua città? Quante possibilità dai, agli uomini di mister Vianna, di salire in serie A1? «Sono molto informato sul Molfetta e ho notato che ha dei risultati molto altalenanti. Credo che l'Hockey Club, non abbia ancora trovato il giusto assetto, però sono sicuro che Vianna, quando si giocheranno i play-off, sarà capace di far trovare la giusta quadratura alla squadra. Delle quattro pretendenti alla promozione, il Molfetta può rientrare sicuramente tra le prime due». Sei cresciuto nell'Hockey Club Molfetta. Ti piacerebbe in futuro, indossare nuovamente la maglia biancorossa?v «Mi piacerebbe molto, ma perché questo accada, devono verificarsi una serie di condizioni, che al momento però, sono di difficile realizzazione». Giochi stabilmente in serie A1 da circa 10 anni e militi nel club più vincente della storia dell'hockey su pista. Ogni tanto, lo fai un pensierino alla nazionale? «La Nazionale, deve rappresentare la massima aspirazione per un giocatore, anche se soprattutto negli ultimi tempi, è stata fin troppo bistrattata. Ne ho già fatto parte in passato, difendendo con orgoglio la maglia azzurra. Adesso ho 28 anni, ma sento di poter dare ancora tanto alla nazionale». Una volta terminata la carriera, ti piacerebbe continuare con questo sport con altre mansioni oppure hai altri progetti? «Ho dei progetti in cantiere, ma di sicuro non voglio abbandonare questo sport che pratico ormai da quando avevo 4 anni. Non ambisco a diventare l'allenatore di una prima squadra ma piuttosto mi piacerebbe allenare i giovani, per farli crescere e mettere a loro disposizione, tutta la mia esperienza».
Autore: Massimiliano Napoli
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet