Recupero Password
ESCLUSIVO. Milleproroghe: il governo vuol salvare Azzollini dalle dimissioni da sindaco Ma il decreto salvapoltrona slitta al 9 febbraio. Sarà esaminata l'abrogazione dell'ineleggibilità al Senato per sindaci e presidenti provinciali
04 febbraio 2011

ROMA/MOLFETTA - Rimandata al 9 febbraio l’approvazione del decreto milleproroghe (D.Lgs n.255/10) da parte di Palazzo Madama, che contiene anche un emendamento “salvapoltrone” che interessa anche il sindaco-senatore di Molfetta Antonio Azzollini (foto). Catena di rinvii, incertezza sui tempi di approvazione. Spostato anche il termine per la presentazione degli emendamenti in assemblea, ora fissato per le ore 12 di venerdì 4 febbraio.

Slitta anche l’approvazione dell’emendamento che annullerebbe le condizioni d’ineleggibilità alla Camera dei Deputati e al Senato dei presidenti provinciali e dei sindaci di Comuni con popolazione superiore ai 20mila abitanti. E questo per non far perdere le poltrone ai sindaci che intendono candidarsi al Parlamento alle elezioni politiche sempre più probabili.
Secondo indiscrezioni, si vorrebbe correggere il D.P.R. n.361/57 che all’art. 7 sancisce la ineleggibilità al Senato e alla Camera di presidenti provinciali e «sindaci dei Comuni con popolazione superiore ai 20.000 abitanti» e la decadenza dalla carica in caso di candidatura.
Una situazione che la città di Molfetta ha vissuto nel 2008, quando il sindaco Antonio Azzollini si dimise dalla carica di sindaco per ricandidarsi a quella di senatore Pdl, senza dimenticare la poltrona appena lasciata.
L’emendamento permetterebbe a presidenti e sindaci con il doppio incarico di proseguire senza interruzione la gestione dell’ente provinciale o comunale e la carriera politica a Roma, se rieletti. Dunque, il sindaco-senatore Azzollini non sarebbe più obbligato a dimettersi dalla carica di sindaco nel caso di ricandidatura al Senato per la caduta del Governo Berlusconi.
Sul numero di Quindici in edicola il 15 febbraio sarà possibile approfondire lo sviluppo di questo colpo di coda politico con la pubblicazione di alcuni documenti parlamentari.
 
© Riproduzione riservata
Autore: Marcello la Forgia
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""





Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet