Recupero Password
Doping e sportivi del tempo libero tutti i rischi in un convegno Ospiti alcuni fra i massimi esperti del Coni e del mondo sportivo
22 settembre 2006

MONOPOLI - Combattere il doping non solo a livello agonistico, dove comunque organismi e procedure sono ben identificati, ma anche a livello amatoriale, dove tutto diventa più difficile, in quanto non strutturato. E' questo il taglio particolare della conferenza sul doping in programma venerdì 22 settembre al Villaggio Torre Cintola (Monopoli), organizzato dal CSAIn nazionale e provinciale, a cui parteciperanno alcuni fra i massimi esperti del Coni e del mondo sportivo sul tema, oltre ad una lunga serie di ospiti di rilievo, a cominciare da Antonio Matarrese e dal sottosegretario alla Salute Gaglione. Dato l'obiettivo, l'incontro non è destinato solo a dirigenti, tecnici e atleti professionisti, ma anche ad associazioni, scuole e famiglie. "Per quanto riguarda la gente comune, gli atleti amatoriali e del tempo libero - sottolinea Michele Barbone nell'introduzione alla conferenza - l'ormai accertata diffusione nelle palestre di sostanze in grado di migliorare la crescita delle masse muscolari e della forza rende sempre più la lotta al doping un problema non solo dello sport agonistico. In modo particolare, per i cultori del fisico, ci troviamo di fronte a condizionamenti culturali e a modelli comportamentali mutuati dalla stessa società e dall'incalzante “spettacolarizzazione” che investe purtroppo anche lo sport. Si aggiunga poi il diffuso ricorso quotidiano a sostanze farmacologiche in grado di alleviare piccoli dolori (mal di testa, dolori cervicali, lombari), che ha favorito un atteggiamento di eccessiva familiarità con i farmaci, ai quali non si guarda più come estremo rimedio in caso di patologie significative, ma a cui si ricorre di frequente anche solo “per sentirsi meglio”. Il programma, dedicato al doping ma anche agli aspetti alimentari dell'attività motoria, prevede alle ore 16,30 vari saluti: Antonio Mauri, presidente nazionale CSAIn; Elio Sannicandro, presidente CONI Puglia; Nino Lionetti, presidente CONI Bari; Carmelo Simon, preside Scienze Motorie Università di Bari; Michele Matarrese, giunta nazionale CSAIN. Interveranno il senatore Antonio Gaglione, sottosegretario alla Salute; il presidente Lega Calcio Professionisti Antonio Matarrese; l'assessore regionale allo Sport Guglielmo Minervini. Dopo l'introduzione di Michele Barbone, membro della Giunta nazionale CONI, è prevista la relazione “I danni alla salute causati dal doping” di Carlo Tranquilli, dell'Istituto di Medicina dello Sport del CONI. A seguire la testimonianza di Maurizio Iorio, ex calciatore professionista di Bari, Roma, Inter (che sarà a disposizione per circa 15' per rispondere alle domande dei presenti). Quindi, nella seconda parte, le relazioni “L'attività antidoping del CONI” di Marco Arpino, della commissione antidoping del CONI, e “Alimentazione naturale o integrata nello sport” del presidente regionale A.D.I. Antonio Caretto. Modera Dionisio Ciccarese, direttore Antenna Sud. In chiusura interventi e dibattito.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet