Recupero Password
“Don Tonino, un vescovo secondo Concilio” Convegno nazionale il 24-25-26 aprile a Molfetta
15 febbraio 2003

La scomparsa di don Tonino, 10 anni fa, non ha fatto che dilatarne la popolarità. In molti hanno continuato a conoscerlo soprattutto leggendo i suoi scritti e scoprendovi una parola inconsueta e sorprendente, lirica ma nel contempo irrequieta, tersa ma ancora provocatoria. Don Tonino continua ad attrarre per il fresco profumo evangelico che promana dalla sua testimonianza. Anche le occasioni in cui si è promossa la conoscenza di don Tonino in questi anni sono state numerosissime. Don Tonino è stato studiato, descritto, raccontato. Frammenti della sua complessa vicenda umana e pastorale sono stati distribuiti dovunque, in forme talvolta anche disordinate, parziali o semplicemente aneddotiche. La sua fama addirittura sembra essere avviata alla consacrazione ufficiale. Così oggi circolano tanti don Tonino non sempre congruenti tra loro. Il don Tonino sacerdote, il vescovo, il terziario francescano, il pacifista, il salentino, il molfettese, lo studioso mariano, il mistico, lo scrittore, il poeta, l'utopista, l'impegnato, l'eccentrico, e così via. La scadenza dei 10 anni dalla scomparsa di don Tonino costituisce un'occasione forse decisiva per integrare insieme i caratteri più organici e articolati della sua figura. Per evitare che dalla memoria si dispensino i suoi tratti più originali, per certi versi unici. Don Tonino è uno di quelli che hanno preso sul serio il Vangelo e che alla possibilità della sequela ci hanno creduto. La sua, però, non si risolve solo in una personalissima esperienza di fede. Egli avverte l'urgenza di incarnarla nella storia (la fine del Novecento) e nella geografia (la finis terrae dello stivale e, quindi, dell'occidente) suoi propri. In questo movimento sente di interpretare la svolta segnata dal Concilio Vaticano II. Tra l'altro, don Tonino ha nel Concilio, potremmo dire, il suo battesimo presbiterale. Don Tonino accetta di divenire vescovo, peraltro dopo ripetute sollecitazioni, perché intende giocarsi la sfida della costruzione, da vescovo appunto, di una Chiesa di strada, partecipe delle cose degli uomini e delle donne, una chiesa, come quella disegnata dal Concilio, con al centro non sé stessa ma l'annuncio da offrire al mondo. Don Tonino raccoglie il suo manifesto di Chiesa nel piano pastorale "Insieme alla sequela di Cristo sul passo degli ultimi", la sua unica opera compiuta e sistematica, volutamente redatta seguendo un'inedita e complessa procedura di scrittura collettiva. Nei giorni 24-25-26 aprile 2003, a Molfetta (Ba), si terrà il convegno nazionale su don Tonino Bello, a 10 anni dalla sua scomparsa, sul tema: “ Don Tonino, un vescovo secondo Concilio”, organizzato dalla Diocesi di Molfetta, dalla Fondazione e dalla scuola di pace don Tonino Bello. Questo il programma: Giovedì 24, ore 19 - Cattedrale di Molfetta: Concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo, mons. Luigi Martella. Venerdì 25 aprile, ore 16 - Saluti di apertura: Mons. Luigi Martella, Mons. Giovanni Ricchiuti Prima sessione. Presiede: Elvira Zaccagnino Ore 16.30: Il mezzogiorno arca di pace non arco di guerra; ore 17.15 Don Tonino e il suo tempo conciliare; don Tonino, sacerdote del Sud, e il Concilio.Claudio Ragaini; ore 18 Don Tonino tra Bibbia e giornale Una lettura della pastorale. Mons. Giancarlo Brigantini; ore 18.30 Don Tonino e la chiesa che è in Molfetta. Don Tonino e la sua diocesi. Il piano pastorale e la sua genesi. Tra senso di comunità e senso di solitudine. Indicazioni di stile e di valori. Don Ignazio Pansini; ore 21 Chiamatemi don Tonino, spettacolo di lettura teatrale a cura della compagnia "Quelli che con la voce". Banchina del porto di Molfetta. Sabato 26 aprile Seconda Sessione. Presiede Donato Valli: Ore 9 A proposito di Maria Dalla Madonna alla donna. Quale Maria in don Tonino. Riflessione di Oscar Luigi Scalfaro; ore 9.30 Don Tonino nella Chiesa e nella cultura italiana. Come hanno "trattato" questa figura irregolare la Chiesa e la cultura italiana. Dialogo tra Pietro Scoppola e Goffredo Fofi animato da Giancarlo Zizola.; ore 11 pausa. Terza Sessione. Presiede Francesco De Palo: ore 11.30 Piccolo breviario delle parole chiave di don Tonino. La pace, Alessandro Zanotelli; Gli ultimi, Luigi Ciotti; Il Sud, Franco Cassano; Pausa Pranzo Quarta Sessione. Presiede don Tonio Dell'Olio: ore 16 L'ultimo sguardo di don Tonino: andiamo verso l'alfa o l'omega della storia? Dire Cristo in un tempo globale, dialogo tra mons. Luigi Bettazzi, Rosy Bindi, Giancarlo Caselli, Giulietto Chiesa; ore 19 conclusioni di mons. Tommaso Valentinetti e Guglielmo Minervini.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet