Recupero Password
Don Franco Sasso, cinquant'anni di sacerdozio
15 giugno 2003

Carissimo don Franco, la lieta ricorrenza, il tuo cinquantesimo di sacerdozio, ci rende coraggiosi al punto che il grazie che ognuno di noi ti ha detto nel profondo del suo cuore tante volte, oggi diventa corale ed è gridato a gran voce insieme agli auguri. Abbiamo scelto di accompagnarlo con una foto che ti vede in adorazione di Gesù Eucarestia sotto lo sguardo di Santa Maria della Trinità per indicare i fari della tua vita che tieni costantemente accesi per te e per noi. Grazie per il tuo “Eccomi” al progetto di Dio. Quel sì, maturato nel tempo con l'aiuto e la preghiera dei tuoi genitori, i tuoi fratelli e quanti ti hanno sostenuto e incoraggiato, da quasi cinquant'anni risuona sempre nuovo tra di noi. Grazie perché ci mostri come riesci a coniugare “stola e grembiule”, passando dalla preghiera, adorazione della divinità, all'accoglienza del “povero” che don Tonino chiamava “Basilica Maggiore”, insegnandoci l'identità tra l'amore per Dio e quello per il fratello. Grazie per lo stupore che mostri di fronte ad ogni vita che nasce che ci porta a maturare un atteggiamento di gratitudine verso l'Autore di ogni vita e di rispetto verso la natura e ogni uomo. Grazie perché fai apparire cosa di routine ogni forma di aiuto agli altri; perché non metti a disagio chi è costretto a stendere la mano, accompagnando ciò che doni con una caramella o un fiore. Grazie perché sostieni i tuoi e i nostri scoraggiamenti ripetendo che “Il Signore dà il pane nel sonno ai suoi amici” e ricordando che Maria “conservava nel suo cuore” ciò che non capiva. Grazie per la tua intransigenza che, a prima vista, può sembrare esagerata, ma che, nell'ottica del Regno, è sofferta coerenza alla totalità del dono. Grazie di esistere. Guardando il tuo curriculum, ricco di benemerenze tenute nascoste, fatto di quotidianità, ci fai pensare a quei “piccoli” a cui è rivelato il segreto del regno dei cieli. Vai avanti. Noi il 28 p.v. saremo con te per avvalorare, nella celebrazione giubilare, il nostro grazie e rinnovare il nostro sì all'Amore “Quaternitario”, come tu lo chiami, perché al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo unisci sempre Maria, Vergine e Madre, guida tua e della nostra comunità. Il Consiglio parrocchiale Cuore Immacolato di Maria, dell'Oratorio S. Filippo Neri e la Comunità tutta
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet