Recupero Password
Consegnata la bandiera blu a Molfetta Per la difesa pesca-ambiente. Solo 5 città in Italia hanno ottenuto l’ambito riconoscimento
15 settembre 1999

Cerimonia ufficiale a Molfetta il 31 luglio per la consegna della “Bandiera Blu” alla città. Un riconoscimento importante assegnato dalla Feee (fondazione europea per l’educazione all’ambiente) alla nostra marineria (e a sole altre cinque, su tutto il territorio nazionale) che si è impegnata, nelle persone dei singoli comandanti delle imbarcazioni, a sottoscrivere un codice di condotta “Pesca-Ambiente” volto alla tutela della risorsa - mare. E’ un ennesimo attestato dell’impegno profuso dalla nostra città (così come sottolineato dal vice sindaco Marta Palombella, durante la cerimonia di assegnazione, svoltasi sulla Banchina San Domenico) e nella fattispecie dalla nostra marineria, per la salvaguardia delle nostre risorse naturali. E’ stata una grande festa, che ha visto come assoluti protagonisti gli operatori del principale settore economico della nostra città, i quali ancora una volta si sono dimostrati assolutamente sensibili ad un problema di tale importanza; tutto sommato non sarebbe potuto essere diversamente dal momento che il mare costituisce la vita per tutti loro, ed è assolutamente normale che essi si impegnino per la sua tutela. Alla cerimonia hanno partecipato, oltre al vice sindaco, Marta Palombella, l’assessore alle risorse Gianni Mancini (il quale ha sottolineato l’importanza della collaborazione tra le istituzioni locali e le diverse categorie in tema di salvaguardia ambientale, collaborazione che permette alla nostra città di continuare ad ottenere riconoscimenti importanti come questa “Bandiera Blu”), l’ing. Cosmo Sancilio, presidente (peraltro molfettese!) del Co.Bat (consorzio obbligatorio per il riciclo delle batterie esauste) il quale ha fatto dono alla nostra città di due contenitori, che sono stati posti sulla banchina ed affidati alla locale Capitaneria di Porto, per la raccolta di tali batterie (soprattutto quelle dei pescherecci) in modo che esse, contenendo materiale altamente inquinante, non vengano rilasciate in mare. E difatti l’interesse dei pescatori coincide tra l’altro con la possibilità di operare, per la qualità del pescato, in acque limpide e pure. Importante sarà adesso valorizzare, da una parte l’importanza della difesa della risorsa marina, e dall’altra la presa di coscienza del valore socio-culturale che assume tutto il mondo della pesca e il suo indotto, in questa città, in modo da proteggerlo e tutelarlo. L’augurio espresso da tutti è stato quello di rivedersi il prossimo anno per l’assegnazione della Bandiera Blu per la qualità e la pulizia delle acque. Un obiettivo certamente non irraggiungibile. Giulio Calvani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet