Recupero Password
Blitz dei carabinieri nell'ospedale di Molfetta. Sotto inchiesta le anomalie del servizio “Percorso donna”, già denunciato da “Quindici”. Interviene Cittadinanzattiva
08 marzo 2014

MOLFETTA - Nella giornata della donna Quindici coglie l’occasione per denunciare ancora una volta la soppressione del servizio “Percorso donna” della Asl, come ha già fatto nel numero in edicola (vedi foto). La nostra denuncia sembra aver avuto i suoi effetti perché nei giorni scorsi c’è stato un blitz dei carabinieri su ordine della Procura della Repubblica di Trani che ha aperto un’inchiesta su presunti ammanchi di denaro e irregolarità nella gestione del servizio.

I militari hanno fatto perquisizioni dappertutto perfino a casa di alcuni dipendenti coinvolti nella vicenda, che si erano messi in malattia.
La speculazione sulla salute è sempre da condannare, ancora di più quando avviene nei confronti delle donne. Ecco perché abbiamo scelto di denunciare oggi questo malcostume e questa vicenda che sicuramente avrà ripercussioni giudiziarie con personaggi indagati che dovranno rispondere del cattivo funzionamento del servizio (una per tutte, il mancato rilascio delle fatture).
Quindici ha inviato una propria redattrice a verificare e il suo articolo è a pag. 8 della rivista mensile in edicola.

Pubblichiamo di seguito la lettera inviataci da Vitangelo Solimini, coordinatore di Cittadinanzattiva e ci auguriamo che anche dal Tribunale del malato arrivino le reazioni e i commenti per questa brutta storia che si è trascinata da tempo, denunciata da “Quindici” e che ha portato all’attuale indagine della magistratura, con il blitz dei carabinieri all’ospedale di Molfetta.
Ci sono responsabilità di chi dirigeva il servizio? I dirigenti ne erano a conoscenza? NE PARLEREMO NEL PROSSIMO NUMERO DI QUINDICI IN EDICOLA IL 15 MARZO.

Ecco la lettera di Solimini:

«Caro Direttore, cosa sta dietro la sospensione di un servizio così importante come la prevenzione tumori all'ospedale di Molfetta? A noi comuni mortali non ci è dato di sapere. In ospedale circolano voci, di perquisizioni, indagini, ammanchi, il tutto però, ammantato da imbarazzanti ed incomprensibili silenzi, che però rispettiamo. Ovviamente queste voci, vaghe e non controllabili, noi non le possiamo prendere in considerazione.
Se però queste voci (ci auguriamo che siano tutte smentite) troveranno conferme e prenderanno corpo, ci faremo carico di informare la cittadinanza e la utenza tutta, sui veri motivi che hanno determinato la sospensione di un servizio così importante che, almeno in questo momento ci appare inspiegabile.
Considerato però che, con la sospensione del servizio è emerso il problema e la posizione del “Percorso Donna” (anche il tuo giornale ne parla a pagina otto), noi in attesa di sviluppi, vorremmo porre, a chi di dovere qualche domanda, nella speranza di saperne di più.
Perché si è creato questo percorso preferenziale a favore delle donne (niente contro le donne), capace di aggirare i lunghi tempi delle liste di attesa? Esisteva una convenzione tra la ASL ed il Percorso Donne? Come si è arrivato a determinare il costo delle prestazioni elargite (cinque visite specialistiche e radiologiche) a soli 93,30 euro?
Perché l'importo delle prestazioni veniva versato direttamente alla direzione sanitaria? Chi amministrava questi soldi che versavano i pazienti? E' possibile in una struttura pubblica creare privilegi a favore di alcuni a danno di altri? Quanto ha inciso il percorso preferenziale riservato al “Percorso Donna” sulle liste di attesa?
A queste domande, ci auguriamo di avere risposte convincenti. Ci permettiamo di ricordare che, il nostro dovere è di stare sempre vicino a coloro che non hanno voce, agli ultimi, perché questi hanno gli stessi diritti! Nessuna solidarietà nei confronti di eventuali responsabili.
Se ci saranno le condizioni, Cittadinanzattiva valuterà anche la possibilità di costituirsi parte civile. Intanto faremo le debite pressioni per il ripristino del servizio di prevenzione, non solo per donne, ma per tutti e senza preferenze, perché uno screening è un diritto e fatto al momento giusto può salvare vite umane
».

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet