Recupero Password
Arte ritrovata, una mostra a Palazzo Lanfranchi di Matera
21 maggio 2005

MATERA – 21.5.2005 Nell'ambito delle iniziative della VII Settimana della Cultura, la Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico della Basilicata, d'intesa con la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Basilicata, oggi, sabato, alle ore 11.30, nel Salone delle Arcate di Palazzo Lanfranchi (nella foto), in Matera, inaugura la Mostra Arte Ritrovata. Sacri Bambinelli lucani trafugati e ritrovati dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Bari. Intervengono: Agata Altavilla, Soprintendente per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico della Basilicata; Ten. Michele Miulli, comandante dei carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, nucleo di Bari; Benedetta Di Mase, Storico dell'Arte Direttore Coordinatore della Soprintendenza P.S.A.E. della Basilicata; Paolo Scalpellini, Direttore Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Basilicata. La mostra presenta 8 piccole ma preziose sculture lignee raffiguranti il Bambino Gesù, databili tra il XVII e il XIX secolo e provenienti da diverse Diocesi e Comuni della Regione (Trivigno, Sarconi, Pignola, Moliterno, Caselluccio Superiore e Nemoli, della Provincia di Potenza; Colobraro e Craco, della Provincia di Matera). Si tratta di opere d'arte trafugate negli anni passati e ritrovate tutte nello stesso anno, ovvero nel 2004, dal Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Bari. Originariamente facevano parte di gruppi scultorei raffiguranti prevalentemente Madonne con Bambino, una iconografia molto presente in Basilicata, per via della particolare diffusione nella nostra Regione del culto mariano. La mostra resterà aperta fino al 5 giugno 2005 ed è visitabile durante gli orari di apertura del Museo: ore 9 – 13 / 15.30 – 19 (Chiuso il lunedì). E' possibile, inoltre, visitare gratuitamente, fino a domenica 22 maggio, giornata conclusiva della VII Settimana della Cultura, il nuovo allestimento della Sezione Arte Sacra del Museo Nazionale d'Arte Medievale e Moderna della Basilicata, usufruendo del servizio di vita guidata. Un'altra mostra è stata allestita negli ambienti del laboratorio di restauro della Soprintendenza di Matera, presenta 15 opere restaurate dagli operatori, in amministrazione diretta, con la guida dei funzionari tecnici della Soprintendenza. Si tratta di opere provenienti dal territorio lucano, significative espressioni artistiche che si collocano in un arco di tempo compreso tra la prima metà del XVI secolo e la seconda metà del XVIII secolo: manufatti diversi tra loro per materia, stile, epoca, valore, una campionatura di oggetti che non segue un criterio tematico o monografico, ma solo quello dettato dalla logica e dall'urgenza di salvare e recuperare per la memoria futura “un pezzo” di cultura locale, storica, artistica, devozionale. Lucrezia Pagano
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet