Recupero Password
Arresto del direttore di banca di Molfetta, la ricostruzione della vicenda
12 gennaio 2008

MOLFETTA - Nuovi particolari, forniti dall'Arma dei carabinieri di Bari sull'arresto del direttore della Banca Popolare di Bari, Donato Piazzolla (direttore della filiale del Monte dei Paschi di Siena di Molfetta quando è avvenuta la vicenda) di Canosa e altre 4 persone responsabili a vario titolo di “estorsione aggravata in concorso” e “lesioni” ai danni di un costruttore del luogo. Questa la ricostruzione completa dei fatti (nelle foto "Rai" le immagini del pestaggio riprese dal circuito chiuso del distributore di benzina dove è avvenuto il fatto, diffuse durante la conferenza stampa): il Piazzolla, stimato direttore di banca, intenzionato a non pagare gli 88.000 euro dovuti ad un imprenditore che gli aveva ristrutturato la villa in campagna si era rivolto al capoclan di Cerignola – tramite il proprio cognato, Savino Sangermano, anch'egli di Canosa, titolare di una concessionaria di auto -promettendogli 5.000 euro se avesse convinto il costruttore ad accontentarsi di 15.000 euro. Assunto l'incarico, lo scorso 3 gennaio, Giuseppe Caputo, 55 anni di Cerignola, nel corso di una telefonata in cui si presentava come “don Giuseppe”, consigliava allo sbigottito imprenditore di accettare la somma proposta per continuare a vivere senza problemi. Il malcapitato, non disposto a cedere, dopo due giorni veniva accoltellato e sottoposto ad un violento pestaggio ad opera del boss e di 2 sgherri presso un'area di servizio ove era stato convocato. Le minacce ripetute nei giorni successivi facevano piegare la vittima, che l'8 gennaio – senza aver ricevuto alcuna somma - consegnava ai suoi picchiatori una falsa dichiarazione attestante di aver percepito 25.000 euro dal committente dei lavori e di non aver nulla in più da pretendere. Questa mattina l'epilogo della vicenda: i militari arrestano tutti i responsabili del fatto delittuoso: i 2 cognati e i 3 aggressori, recuperando dalle mani di questi ultimi la dichiarazione liberatoria estorta. I carabinieri avevano iniziato le indagini partendo dal referto dell'ospedale ove l'imprenditore era stato accompagnato per farsi curare le lesioni subite. Una volta vinta la ritrosia della vittima, riconosciutasi nel filmato del pestaggio - recuperato dal circuito di video sorveglianza istallato presso il distributore di carburanti - gli investigatori hanno espletato una serie di attività tecniche che dopo aver chiarito i rapporti tra tutti i personaggi della vicenda, hanno consentito di dare esecuzione alle ordinanze di custodia cautelare emesse - sulla scorta delle prove raccolte - dal Gip presso il Tribunale di Trani – dr. Roberto del Castello - su richiesta del P.M. Ettore Cardinali. Il gruppo degli aggressori – tutti noti alle forze dell'ordine - composto da “don Giuseppe”, Michele Migliaccio, e Giuseppe Balducci, entrambi coratini, rispettivamente di 31 e 57 anni, sono stati portati nel carcere di Trani unitamente al cognato del direttore di banca, a quest'ultimo è stato concesso il regime degli arresti domiciliari.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet