Recupero Password
Arciconfraternita, processioni, riti: origine e significati a Molfetta
14 marzo 2008

MOLFETTA - Si è parlato di Arciconfraternite a Molfetta, nell'aula consiliare di Palazzo Giovene, un argomento molto sentito in vista della Settimana santa. La conferenza dopo una breve introduzione dell'avv. Lucia Campo, rappresentante della Pro Loco, organizzatrice della manifestazione, è stata aperta da uno scritto riguardante i riti quaresimale di Molfetta letto dalla Dott.ssa Salvemini, del gruppo giovanile della stessa Pro Loco. L'avv. Magarelli (foto) prendendo la parola ha voluto parlare ai numerosi presenti della tradizioni più nascoste che non sono quasi mai menzionate nei vari libri sull'argomento, cominciando col dire che le tradizioni appartengono ad ognuno dei molfettesi e che spetta a noi salvaguardarle dal tempo e dal progresso, cosa che fino ad ora abbiamo fatto in maniera eccellente. Magarelli ha fatto una carrellata dei riti andando in ordine cronologico e partendo dall'ultima domenica di Carnevale. In questo giorno, infatti, si comincia a preparare la chiesa di S. Stefano per il primo venerdì di Quaresima in cui verrà esposto Cristo all'orto (gli altri Misteri verranno poi esposti in successione ogni venerdì di Quaresima ad eccezione del Cristo morto). Il Cristo all'orto è portato a spalla dalla confraternita dell'Assunta in cielo che per tradizione è la confraternita degli agricoltori e che forniscono di conseguenza l'albero di ulivo che si può ammirare sulla suddetta statua. Già dal mese di novembre vengono selezionati gli alberi d'ulivo che verranno salvati dalle intemperie, ritardandone anche la crescita, per presentarli in condizioni ottimali nel periodo pasquale. Secondo la tradizione, gli alberi di ulivo devono avere tutti i tipi di olive nostrane perché Cristo deve proteggere l'intero territorio molfettese; gli alberi che servono ogni anno per allestire il simulacro di Cristo all'orto sono tre: uno per l'esposizione del primo venerdì di Quaresima, uno per il sepolcro del giovedì santo e uno per la processione del venerdì santo; quest'ultimo viene portato dai confratelli dell'Assunta in Cielo intorno all'1 e 30 del venerdì santo poco prima della processione. Dopo aver illustrato questi particolari veramente singolari sulla statua di Cristo all'orto Magarelli ha continuato il suo viaggio nel periodo quaresimale rivelandone tanti altri sino ad arrivare al giorno della processione dei Misteri. Tra i più singolari bisogna ricordare quello della mano sinistra di Cristo al Calvario che grazie all'intervento di Giulio Cozzoli è diventata mobile ed ha permesso di sfilare e infilare la croce senza danneggiare il simulacro, quello dei fiori che variano a seconda del simulacro esposto durante i venerdì di Quaresima e quello dei portatori di Cristo morto, che devono sottoporsi a lunghi ed estenuanti tratti già predisposti sotto la statua onde evitare di essere sostituiti dalle riserve. E' toccato al priore dell'Arciconfraternita della Morte dott. Francesco Stanzione (foto) presentare parlare della storia dell'Arciconfraternita dalla sua nascita ad oggi con diversi particolari dei riti quaresimali effettuati nel Purgatorio: dalla Croce alla processione della Pietà. Infatti egli non ha mancato di menzionare il misterioso rito della vestizione della Madonna, rivelando ai presenti che durante il suo spostamento, il Priore deve coprirle il volto e appoggiare la sua testa sulla sua spalla sinistra. Un rito di cui, ha aggiunto Stanzione, non conosce nemmeno lui la spiegazione e l'origine. Durante la vestizione devono essere presenti soltanto le mogli dei componenti dell'amministrazione e le pie zelatrici. Spetterà alla moglie del Priore sostituire il pugnale d'argento della Madonna con quello d'oro, custodito nella cassaforte della sacrestia, appena prima della processione. L'Arciconfraternita della Morte, ha continuato, conta ad oggi 1.100 iscritti, un numero molto elevato.
Autore: Francesco Tempesta
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet