Recupero Password
Altre due vetture bruciate a Molfetta. Cittadini preoccupati Non cìè più sicurezza nel lasciare la vettura in sosta. Vandalismo, racket, vendette?
19 gennaio 2009

MOLFETTA - Continua il rito dell'incendio delle auto a Molfetta. Nella notte sono state incendiate due vetture in via Baccarini, incrocio via Ten. Fiorini. Distrutta una Renault Clio e danneggiata una Fiat Palio. Purtroppo l'intervento dei vigili del Fuoco non ha potuto salvare le vetture. Torna l'interrogativo sulla sicurezza a Molfetta. I cittadini non sono più sicuri di lasciare l'auto in sosta e non ritrovarla danneggiata. Le forze dell'ordine devono accertare subito se si tratta di atti di vandalismo e quindi individuare i responsabili oppure se si tratta di vendette, racket, regolamenti di conti e quant'altro e arrestare i responsabili, per far sì che i cittadini ritrovino la propria tranquillità e sicurezza.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
A GAETANO DE PINTO. Ella ha fatto centro, in un passaggio decisivo della seconda parte del Suo intervento (scritta in maiuscolo). Non le voglio dire dove. Non so se l'ha menata, oppure ha intuito che, in qs. città, qualcosa non quadra e, non solo nella politica. Non posso essere tacciato per un simpatizzante del sindaco anche se le dicessi che, non è tutta colpa della politica, v'é di più... e per una semplicissima ragione: in qs. città c'é "un fiume carsico" fatto di molteplici attività illecite (contrabbando in primis), e non sappiamo quante e quali falde, qs. fiume sotterraneo di denaro sporco, sia andato ad inquinare, ma fatto stà, qs. attività prosperano e inquinano il tessuto legale di qs. città. Molti cittadini "mormorano" (chiacchiere da bar?), di unioni incestuose ed inimmaginabili tra il "diavolo e l'acqua santa", ma nessuno ha prove. Ma si continua a mormorare e chi dovrebbe controllare la fondatezza dei mormorii, non lo fà, e con l'immobilismo non fa altro che alimentare ulteriormente il propagarsi del mormorio stesso. Non solo, ma chi dovrebbe controllare, è esso stesso oggetto del mormorio. P.q.m.r., non sono contrario al potenziamento delle forze dell'ordine, in qs. città, ma che sia un potenziamento non solo numerico, ma qualitativo ed etico. Non voglio aggiungere altro per rispetto al Suo Intuito e alla Sua Intelligenza e, legga il mio primo commento sull'argomento in qs. stessa pagina, che si connette a questo, in logica consecuzione, capirà. Con Stima, F.R.
Sig. Gaudio vedo che Lei non ha proprio di meglio da fare che pensare a me. Di questo me ne vanto significa che le mie parole la fanno rosicare come si dice a roma. Purtroppo con la sua filosofia di "tutti in pace senza polizia" non funziona. Se questo è quello che succede a Molfetta allora è giusto che il sindaco vada in prefettura e richieda l'intervento dell'esercito in ronde miste con le forze di polizia come succede a bari. Mi è capitato di andara a Bari verso le 11 della sera alla stazione e nelle strade vicine e sono rimasto quasi allibito. C'erano in giro famiglie con bambini che erano tranquilli al parco (era l'estate scorsa). Due anni fa era pieno di barboni, gente che vendeva cose contraffate e malavitosi di ogni genere. E' bastata una pattuglia a piedi di carabinieri ed esercito come deterrente per questi piccoli cretini che però fanno paura alla gente normale come me. A Bari non c'e un fascista come sindaco ma uno che si chiama Emiliano e che almeno al centro ha risolto il problema della micro-criminalità. Lancio questa ipotesi e voglio vedere, a parte i soliti comunisti idioti e filosofi che abolirebbero l'esercito e la polizia, quanti sono contrari. E POI RIVOLGO ANCORA UN APPELLO A QUANTI GOVERNANO QUESTA CITTA' E A QUANTI SiEDENDO SU UNA SEDIA IN CONSIGLIO COMUNALE GRAZIE AL SIMBOLO DI UN PARTITO CHE DA SEMPRE HA FATTO DELLA SICUREZZA UN CAVALLO DI BATTAGLIA: MA DOVE C...O SIETE?? SIETE TROPPO IMPEGNATI A SPARTIRVI I VARI INCARICUCCI? O SIETE TROPPO RICATTATI DA QUALCUNO PER CUI DOVETE ZITTIRE SU QUESTI ARGOMENTI? RICORDO QUANDO C'ERA T.MINERVINI CHE ALLEANZA NAZIONALE SE DOVEVA DIRE QUALCOSA ANCHE CONTRO L'AMMINISTRAZIONE SPECIE PER BOCCA DEL GRUPPO GIOVANILE NON STENTAVA A FARE CAOS. ORA CHE IL GRUPPO GIOVANILE E' IN CONSIGLIO COMUNALE SI E' ADDORMENTATO. SE QUESTO E' IL PDL DI MOLFETTA ALLORA ISCRIVIAMOCI IN MASSA AL PARTITO DEMOCRATICO. ALMENO QUALCUNO DI LORO HA SOLLEVATO LA QUESTIONE SICUREZZA. PURTROPPO A MOLFETTA IL PDL NON ASSOMIGLIA PER NULLA AL PDL NAZIONALE (VEDI LE NOMINE FATTE COME ESPERTI NELLE MUNICIPALIZZATE) INVECE DI SBRAITARE QUI SU QUESTA RUBRICA ANDATE SOTTO L'UFFICIO DEL SINDACO E BUTTATELA GIU QUELLA PORTA FINO A QUANDO NON PRENDE DECISIONI DRASTICHE E DURE. EX AN SVEGLIA!!!!!! CHE LA PROX VOLTA NON BASTEREBBERO NEACHE 100 EURO A VOTO PER RICONFERMARE LA MAREA DI FIDUCIA CHE AVETE AVUTO QUESTA VOLTA.



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet