Recupero Password
“Molfetta calcio”, si può dare di più CALCIO
15 novembre 1999

Nove giornate di campionato, quasi un terzo della stagione, sono sufficienti per fare i primi bilanci al calcio nostrano, anche per capire gli obiettivi che si possono dare le singole squadre alla luce di quello che hanno fatto finora, proprio quando si sta entrando nel vivo della stagione. In Promozione il “Molfetta calcio” deve ancora decidere cosa farà da grande. La prima società molfettese nelle ultime cinque gare era chiamata a dimostrare la valenza delle proprie capacità. Il verdetto è contrastante. I gialloblu dopo la sconfitta a Polignano (2-0), hanno meritatamente superato in casa l’allora capolista Bitonto (2-0), per poi andare a vincere ad Altamura (1-0), ma nelle ultime due gare qualcosa è andato storto, il pari a Capurso (1-1) e la sconfitta interna, per 1-0, contro il S.G. Rotondo, hanno ridimensionato la squadra molfettese. I numeri dopo 9 gare sono: 3 vittorie, 3 pareggi, 3 sconfitte, 6 gol fatti e 5 subiti, per un totale di 12 punti. Un ruolino di marcia in linea con gli obiettivi di un torneo da media classifica. Il presidente Siracusa invece è soddisfatto a metà: ”Nelle ultime due gare abbiamo subìto gol in pieno recupero, a Capurso su rigore e col S.G. Rotondo su azione viziata da un fallo di mano non visto dall’arbitro”. Il Molfetta quindi è in credito con la sorte, anche se il vero problema è la scarsa incisività dell’attacco. Se si fa fatica a concludere in rete, ogni episodio negativo o distrazione, che in una gara ci sono sempre, si paga a caro prezzo. Altra nota stonata è la scarsa vena di Modesto. Il giocatore (ex Potenza), sembra avere difficoltà ad entrare in sintonia con la categoria e quindi si esprime al di sotto delle proprie possibilità. Ci sono anche note liete. In primo luogo la difesa imperniata sui centrali De Candia e Santoro, Belviso a centrocampo cerca i dare ordine, e poi ci sono i giovani Tuberoso, Mastrandrea e soprattutto Cesario, convocato nella rappresentativa regionale, che nonostante i limiti della squadra si stanno mettendo in luce. Ma la nota dolente è la fatica della squadra per destare la simpatia degli sportivi. Il pubblico è sempre scarso, un dato che certamente non incoraggia la società ad operare rinforzi. Al contrario di quello che succede a Trani, dove ogni gara è seguita da almeno mille spettatori. “Con un seguito del genere - ha detto il presidente - anche noi punteremmo al vertice”. Ecco i prossimi impegni: a Canosa (21.11), big match in casa col S. Paolo (28.11), D. Uva Bisceglie (5.12) e Corato (12.12). In Prima categoria continua a deludere il “Levante”. Nonostante gli sforzi della società, la squadra molfettese non riesce ad allontanarsi al fondo della classifica, come dimostrano i 7 punti e il terzultimo posto. I molfettesi non riescono a trovare la giusta tranquillità. Il tecnico Giancaspro è preoccupato: “Non lavoriamo con la giusta concentrazione, da un lato le assenze importanti in attacco di Spadavecchia e Copolecchia, dall’altro non riusciamo a prepararci con continuità. Al “Petrone” ci hanno assegnato orari impossibili per molti atleti e siamo costretti ad allenarci anche con altre squadre. Eppure sono convinto che abbiamo una buona rosa di giocatori per disputare un torneo di vertice. Speriamo che questo periodo negativo passi in fretta”. In seconda categoria neanche la “Mazzola” se la passa bene. Il penultimo posto a 6 punti è un bottino negativo sorprendente per i granata molfettesi. Il presidente Giacinto La Forgia però non è preoccupato: “Abbiamo puntato sulla linea verde, sapendo di dover pagare uno scotto. Però, dopo un inizio difficile, i giovani stanno crescendo e sono sicuro che la squadra verrà fuori alla distanza”. Chi non ha problemi invece è la Polisportiva. Con i 12, punti la squadra del tecnico Auricchio si attesta nella tranquilla zona mediana della classifica. La squadra se continuerà ad esprimersi come ha fatto finora, avrà le carte in regola per disputare un torneo senza troppi patemi d’animo e potrà raccogliere qualche soddisfazione in più. Francesco del Rosso
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet