Recupero Password
Tragedia dell'Ittica Di Dio di Molfetta, indagato il titolare dell'azienda in cui si trova la maledetta cisterna
09 aprile 2014

MOLFETTA - La tragedia dell’«Ittica Di Dio» di Molfetta (vedi il video di PuntoTV), nella quale sono morti padre e figlio, mentre cercavano di salvare l’altro fratello impegnato nell’autospurgo di una cisterna, ha già un indagato. Si tratta di Vito Di Dio, 37 anni titolare dell’azienda che aveva commissionato l’operazione di pulizia.

Accanto all’amministratore delegato, indagato per omicidio colposo, non è escluso che venga chiamato a  rispondere anche l’eventuale responsabile della sicurezza della società di trasformazione dei prodotti ittici con sede nella zona industriale. L’iscrizione nel registro degli indagati è stata fatta dal Pm di turno Mirella Conticelli, alla quale si affiancherà anche l’altro Pm della Procura del Tribunale di Trani, Antonio Savasta che fa parte del gruppo specializzato nella tutela dell’ambiente (ricordiamo le sue inchieste sul porto e sul depuratore) e sulle morti sul lavoro.
Ma non è escluso che i magistrati iscrivano nel registro degli indagati anche l’eventuale rappresentante legale dell’azienda «Rizzi ecologia» che si occupava dello spurgo e della quale facevano parte le due vittime. Potrebbe trattarsi anche dello stesso Nicola, morto per soccorrere il figlio, come accadde anche nella strage del Truck Center nel 2008 nella quale morì il titolare della ditta Vincenzo Altomare di 64 anni, e in questo caso non ci sarà alcuna iscrizione.

Intanto è previsto per domani mattina l’affidamento dell’'incarico al medico legale Alessandro Dell'Erba per l'autopsia sui cadaveri.

Ricordiamo che  nella piccola impresa familiare lavoravano oltre al padre cinquantenne Nicola e anche l’altra vittima Vincenzo Rizzi di 28 anni (nella foto), e il giovane Alessio di 21 anni, sempre ricoverato nell’ospedale di Bisceglie, ma le cui condizioni stanno migliorando. Alessio è ancora all’oscuro della morte del padre e del fratello, proprio nel tentativo di tirarlo fuori dalla maledetta cisterna.

Nella ditta Rizzi lavora anche l’altro fratello Michelangelo di 23 anni.

SUL PROSSIMO NUMERO DELLA RIVISTA  MENSILE "QUINDICI", IN EDICOLA LA PROSSIMA SETTIMANA, ALTRI PARTICOLARI E APPROFONDIMENTI SU QUESTA TRAGEDIA

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet