Recupero Password
Soddisfazione di Sel per il voto unanime al consiglio comunale di Molfetta sul contrasto alle ludopatie
07 marzo 2014

MOLFETTA – “Esprimiamo grande soddisfazione per l’approvazione unanime durante l’ultimo Consiglio Comunale del codice per la disciplina delle sale giochi, su proposta del Consigliere Comunale di SEL Giovanni Facchini (foto) – dice in un comunicato Silvio Salvemini di Sel Molfetta - Il dilagante fenomeno della dipendenza dal gioco sta diventando sempre più un problema sociale, con costi per la collettività crescenti a fronte di giocatori patologici che mettono a rischio la tenuta delle proprie famiglie. Servono centri di assistenza psicologica per aiutare quanti diventano vittime del vizio del gioco, programmare l’attivazione di misure preventive e riabilitative, ma soprattutto predisporre norme chiare per limitare la diffusione sul territorio delle sale gioco. Preoccupante anche il rischio di infiltrazioni mafiose nella gestione delle sale, accompagnati da fenomeni di usura e riciclaggio di denaro. Come Sinistra Ecologia Libertà riteniamo necessario estendere i codici antimafia in materia di gioco d’azzardo ed evitare che siano date concessioni a soggetti condannati o imputati per reati legati alla criminalità organizzata e relativi familiari”.

Anche la Regione Puglia ha avvertito il rischio sociale dilagante delle ludopatie, tanto da emanare la legge 43 del dicembre 2013 per fissare regole stringenti in materia, che fungano da contrasto all’incremento esponenziale della diffusione delle sale gioco su tutto il territorio regionale.

Insieme all’Azione Cattolica della Diocesi è partita la raccolta firme della campagna “La vita giocatevela bene!”, un ulteriore strumento di contrasto alla diffusione del gioco mediante 21 articoli che mettano ordine alle norme vigenti, tali da prevenire le conseguenze nocive sia individuali che sociali. Tra le norme vi è la pianificazione territoriale che tuteli la sicurezza urbana con l’impossibilità di aprire sale gioco nei pressi di luoghi sensibili: scuole, impianti sportivi, luoghi di culto, centri giovanili, strutture residenziali. Inoltre sono previsti trasferimenti ai Comuni di specifici finanziamenti per attività formative e culturali,  tutele per i soggetti più fragili e divieto assoluto di gioco ai minori”.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet