Recupero Password
Ritardi nella pubblicazione del bando per la gestione della piscina di Molfetta critiche del cordinatore del Pd Abbattista
08 agosto 2009

MOLFETTA -“L'amministrazione comunale di Molfetta non smette mai di sorprenderci per il suo pressappochismo e per la sua incapacità amministrativa”. Con queste parole Giovanni Abbattista, consigliere e coordinatore locale del Partito Democratico, commenta le notizie relative alla imminente pubblicazione di un bando pubblico per l'affidamento del servizio di gestione della piscina comunale. “Avviare una procedura del genere in pieno agosto rischia di compromettere seriamente la possibilità che vengano presentate diverse offerte, in modo che il servizio venga affidato a chi sappia gestirlo a condizioni più favorevoli per il Comune. D'altro canto che fosse inevitabile l'avvio di una gara d'appalto era ben noto sin dal luglio del 2008, quando scadde la convenzione con il CONI. Il servizio venne poi riaffidato in proroga allo stesso ente, ma una amministrazione seria e lungimirante, capace di programmare i suoi interventi e non di agire solo con provvedimenti dettati dalla necessità e dall'urgenza, avrebbe dovuto avviare l'iter necessario all'affidamento con largo anticipo, in modo da consentire di parteciparvi a quanti più soggetti interessati possibile. In questo caso, invece, con le ferie ormai in corso per molti operatori economici, esiste il rischio concreto che vi sia una compressione della concorrenza, a danno dell'interesse pubblico”. “E' questo – conclude Giovanni Abbattista - l'ennesimo esempio di una amministrazione del tutto inadeguata a governare una città complessa come Molfetta”.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""

Ma "QUANDO E' INIZIATA LA NUTTATA?" Amalia E pecché me guarde? Aggio fatto chello che hanno fatto ll'ate. Me so' difesa, me so' aiutata... E tu pecché me guarde e nun parle? 'A stammatina tu me guarde e nun parle. Che colpa me può da'? Che t'hanno ditto? Gennaro Aggia parla'? Me vuo' sèntere proprio 'e parla'? E io parlo. [...] (chiude il telaio a vetri e lentamente si avvicina alla donna. Non sa di dove cominciare; guarda la camera della bimba ammalata e si decide) Ama', nun saccio pecché, ma chella criatura ca sta llà dinto me fa penza' 'o paese nuosto. Io so' turnato e me credevo 'e truva' 'a famiglia mia o distrutta o a posto, onestamente. Ma pecché?... pecché io turnavo d' 'a guerra... Invece, ccà nisciuno ne vo' sentere parla'. Quann'io turnaie 'a ll'ata guerra, chi me chiammava 'a ccà, chi me chiammava 'a llà. Pe' sape', pe' sentere 'e fattarielle, gli atti eroici... Tant'è vero ca, quann'io nun tenevo cchiù che dicere, me ricordo ca, pe' m' 'e lleva' 'a tuorno, dicevo buscìe, cuntavo pure cose ca nun erano succiese, o ca erano succiese all'ati surdate... pecché era troppa 'a folla, 'a gente ca vuleva sèntere... 'e guagliune... (Rivivendo le scene di entusiasmo di allora) 'O surdato! 'Assance sèntere, conta! Fatelo bere! Il soldato italiano! Ma mo pecché nun ne vonno sèntere parla'? Primma 'e tutto pecché nun è colpa toia, 'a guerra nun l'he' vuluta tu, e po' pecché 'e ccarte 'e mille lire fanno perdere 'a capa... (Comprensivo) Tu ll'he' accuminciate a vede' a poco 'a vota, po' cchiù assale, po' cientomila, po' nu milione... E nun he' capito niente cchiù... (Apre un tiretto del comò e prende due, tre pacchi di bi­glietti da mille di occupazione. Li mostra ad Amalia) Guarda ccà. A te t'hanno fatto impressione pecché ll'he' viste a ppoco 'a vota e nun he' avuto 'o riempo 'e capi' chello ca capisco io ca so' turnato e ll'aggio viste tutte nzieme... A me, vedenno tutta sta quantità 'e carte 'e mille lire me pare nu scherzo, me pare na pazzia... (Ora alla rinfusa fa scivolare i biglietti di banca sul tavolo sotto gli occhi della moglie) Tiene mente, Ama' : io 'e ttocco e nun me sbatte 'o core... E 'o core ha da sbattere quanno se toccano 'e ccarte 'e mille lire... (Pausa) Che t'aggi' 'a di'? Si stevo cca, forse perdevo 'a capa pur'io... A mia figlia, ca aieres-sera, vicino 'o lietto d' 'a sora, me cunfessaie tutte cosa, che aggi' 'a fa'? 'A piglio pe' nu vraccio, 'a metto mmiez' 'a strada e le dico: - Va fa' 'a pro­stituta? - E quanta pate n'avesser' 'a caccia 'e figlie? E no sulo a Napule. Ma dint' 'a tutte 'e paise d' 'o munno. A te ca nun he' saputo fa' 'a mamma, che faccio, Ama', t'accido? Faccio 'a tra­gedia? (Sempre più commosso, saggio) E nun abbasta 'a tragedia ca sta scialanno pe' tutt' 'o munno, nun abbasta 'o llutto ca purtammo nfaccia tutte quante... E Amedeo? Amedeo che va facenno 'o mariuolo? Amedeo fa 'o mariuolo. Figlieto arrobba. E... forse sulo a isso nun ce aggia penza', pecché ce sta chi ce penza... (Il crollo totale di Amalia non gli sfugge, ne ha pietà) Tu mo he' capito. E io aggio capito che aggi' 'a sta' ccà. Cchiù 'a famiglia se sta perdenno e cchiu 'o pate 'e famiglia ha da piglia' 'a respon­sabilità. (Ora il suo pensiero corre verso la pìccola inferma). E se ognuno putesse guarda' 'a dint' 'a chella porta... (mostra la prima a sinistra) ogneduno se passaria 'a mano p' 'a cuscienza... Mo avim-m'aspetta', Ama'... S'ha da aspetta'. Comme ha ditto 'o dottore? Deve passare la nottata. (E lentamente si avvia verso il fondo per riaprire il telaio a vetri come per rinnovare l'aria). Amalia (vinta, affranta, piangente, covre risvegliata da un sogno di incubo) Ch'è ssuccieso... ch'è ssuccieso... Gennaro (facendo risuonare la voce anche nel vicolo) 'A guerra, Ama'! Amalia (smarrita) E che nne saccio? Che è ssuccieso! [...] (rievocando a se stessa un passato felice di vita semplice) 'A matina ascevo a ffa' 'o ppoco 'e spesa... Amedeo accumpagnava a Rituccia a scòla e ghieva a fatica'... Io turnavo 'a casa e cucenavo... Ch'è ssuccieso... 'A sera ce assettavamo tuttu quante attuorno 'a tavula e primma 'e mangia' ce facevamo 'a croce... Ch'è ssuc­cieso... (E piange in silenzio). Amedeo (entra lentamente dal fondo. Guarda un po' tutti e chiede ansioso) Comme sta Rituccia? Gennaro (che si era seduto accanto al tavolo, alla voce di Amedeo trasale. Il suo volto s'illumina. Vorrebbe piangere, ma si domina) S'è truvata 'a mmedicina. (Si alza e dandosi un con­tegno, prosegue) 'O duttore ha fatto chello ch' avev' 'a fa'. Mo' ha da passa' 'a nuttata. (Poi chiede con osten­tata indifferenza) E tu? nun si' ghiuto 'appuntamento? Amedeo (timido) No. Aggio pensato ca Rituccia steva accussì e me ne so' turnato. Pareva brutto. Gennaro (con lieve accento di rimprovero) Era brutto. Damme nu bacio. (Amedeo bacia Gen­naro, con effusione) Va' te miette nu poco vicino 'o lietto d' 'a piccerella ca tene 'a freva forte. Amedeo Sì, papà. (Si avvia). Gennaro (fermandolo) E si Rituccia dimane sta meglio, t'accumpagno io stesso 'a Cumpagnia d' 'o Gas, e tuorne a piglia' servizio. Amedeo (convinto) Si, papà. (Ed esce per la prima a sinistra). Maria Rosaria ha riscaldato il caffè e ora porge la tazzina al padre. Gennaro la guarda teneramente. Avverte negli occhi della fanciulla il desiderio d'un bacio di perdono, così come per Amedeo. Non esita. L'avvince a sé e le sfiora la fronte. Maria Rosaria si sente come liberata e, commossa, esce per la prima a sinistra. Gennaro fa l'atto di bere il suo caffè, ma l'atteggiamento di Amalia stanco e avvilito gli ferma il gesto a metà. Si avvicina alla donna e, con trasporto di solidarietà, affettuoso, sincero, le dice: Gennaro Teh... Pigliate nu surzo 'e cafè... (Le offre la tazzina). Amalia accetta volentieri e guarda il marito con occhi interrogativi nei quali si legge una domanda angosciosa: «Come ci risaneremo? Come potremo ritornare quelli di una volta? Quando?» Gennaro intuisce e risponde con il suo tono di pronta saggezza. S'ha da aspetta', Ama'. Ha da passa' 'a nuttata. (E dicendo questa ultima battuta, riprende posto accanto al tavolo come in attesa, ma fiduciosa). Fine Ha da passa''a nuttata. Non mi pare che sia cambiato molto da allora... Ha da passa''a nuttata. E da sessantatré anni noi attendiamo...


Giusto il tema proposto dal sig.Gaudio. Allora? "Continua la crisi della sinistra.... la sinistra in difficoltà......la sinistra in agonia?" Queste domande possono essere riassunte nel titolo del convegno che si svolse a Torino nel dicembre 1992: "What is left?" Si continuano a commettere gli stessi errori. La destra ha vinto e continua a governare, la sinistra continua a perdere il contatto con la realtà e il suo popolo di sinistra, sempre più allo sbando come un esercito in ritirata. Continua il tentativo ormai esausto di delegittimare la destra come fascista, anzichè combatterla sul terreno politico. Questo ci fa ancora perdere tempo. Se si da del fascismo al berlusconismo ancora oggi, vuol dire che non si capisce nulla dei mali reali dell'attuale destra e che si è dimenticata la storia del fascismo. Il "berlusconismo" è un'altra cosa. Non è il fascismo che era violenza e privazione di ogni libertà. E' invece un male del nostro tempo, l'addormentamento delle coscienze, la melassa informativa e pubblicitaria che invita a chiudersi in se stessi, esauriti senza sosta in consumi fuggevoli. E' la cultura del venditore che sollecita a vivere sul momento, a non pensare agli altri nè al domani. Questo è il male peggiore di oggi, perchè rimuove la responsabilità. Come scriveva in un articolo E.G. della Loggia, "Se la sinistra fa la destra", in "Corriere della sera" nel dicembre del 1993. Il tema della confusione della sinistra con la destra e della destra con la sinistra. "Ormai i programmi della sinistra e della destra si somigliano, solo che la destra è diventata più violenta come era la sinistra negli anni sessanta. L'essenziale oggi non è imporre questo o quel regime, tutti i regimi sono imperfetti, la cosa più urgente è salvare la vita sul pianeta, ed evitare in tutti i modi i conflitti tra le persone." (Citazione dalla "Scheda Aiace") (Leggeri estratti da "Destra e Sinistra" di N.Bobbio e "Del disordine e della libertà" di Renzo e V.Foa)-
Allora caro Tommaso, penso si sia capito che "questi democratici", scansino determinati argomenti (salvo demandare il compito qalche volta ai "giovani democratici", per la classica "lavata di faccia"). Ed il motivo è sempre molto semplice... Ti faccio un esempio (e mi dirai, sempre lì vai a parare? certo, perché lì "si palpano e si toccano..."), I CASSONETTI A SCOMPARSA!!! SI SONO RIEMPITI COME LE DAMIGIANE in 1/2 ora di temporale (immagina che cosa succederà quest'inverno...), ED E' STATO NECESSARIO UN INTERVENTO ECCEZIONALE PER SVUOTARLI. FINO AD OGGI... DEMORATICI, GIOVANI, VECCHI, DI MEZZA ETA', COSI' COSI'... ECC., ECC., (lì mezzo c'é di tutto... di più...), non hanno in merito detto alcunché, ma non ci hanno detto se valeva la pena dilapidare mezzo milione di euro (fino ad oggi, calcolando gli "annessi e connessi") anziché, magariinvestirli sulla raccolta differenziata spinta... NIENTE, NIENTE DI NIETE... sull'argomento sempre a fare comunicati + soldi, + soldi, + soldi... "alla monnezza", salvo poi dover scoprire che i soldi da spendere sulle "kazzare a scomparsa" li hanno... Perché su moltialtri temi parlano di risparmio e su altri si svenano perché l'Amministrazione sborsi + soldi, + soldi, + soldi? Lascio volentieri a te la risposta (ma ci siamo capiti). Su certe cose, "si ritraggono"... "dove sono parte in causa"... e la loro credibilità scema sino allo zero assoluto. Poi ce ne sarebbero tanti altri di argomenti... (ma saranno affrontati voltaper volta... è inutile svuotare il sacco tutto in una volta...) abbaiano a comando solo quando "non casca l'osso"... come nel caso de quo... capisc a me'... Tuo Estimatore (specie quando rilasci quesi commenti) ...f.r...


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet