Recupero Password
Riappropriamoci del Pulo CORSIVI
15 dicembre 1999

La visita fatta in agosto ci lasciava perplessi: quasi alla fine del secondo lotto di lavori il Pulo era del tutto sconvolto, irriconoscibile. Adesso dopo aver ascoltato gli obiettivi progettuali del terzo lotto di lavori abbiamo la conferma di come effettivamente quella “sentenza”, in estate solo pronunciata, stia diventando esecutiva e, per giunta, sia accompagnata da inammissibili e incauti propositi che potrebbero compromettere la sorte del Pulo. Ecco che allora le oltre 6200 testimonianze di visitatori, a quanto pare accorsi da tutte le parti del mondo per ammirare il sito, siano la giusta gratifica per continuare a scavare e a portare alla luce le cisterne della nitriera borbonica; siano, sempre i visitatori, il movente per avviare la costruzione di servizi igienici e strutture di accoglienza e informazione, provvedere all’illuminazione di una grotta, realizzare parcheggi tutt’intorno e sistemi di sicurezza per ogni evenienza, livellare le pendenze per migliorare la fruibilità ...che società evoluta! Peccato che per il sito non sia soltanto archeologico: è una dolina carsica, prima; poi colonizzata dall’uomo. E infatti: colonizzata e, violentata dall’uomo: prima l’hanno spogliata e adesso iniziano a rimarginare le già profonde ferite. Prima “sfoltiscono” la vegetazione e allargano i sentieri poi, quando si accorgono che il piano di calpestio è sdrucciolevole e consumato dalle acque meteoriche che lo aggrediscono ormai indifeso, si corre ai ripari e ...via con i muretti di contenimento e le opere di “ingegneria ambientale”, già proprio come sono state definite dall’architetto Fanelli che segue i lavori. Sistemi per il drenaggio delle acque, nuova terra per ripristinare il piano di calpestio dei sentieri, diminuirne la pendenza e incrementarli, ...insomma oggi va proprio di moda l'ingegneria ambientale! Così come va di moda parlare di postazioni multimediali, supporti didattici, sviluppo turistico, itinerari culturali, nuove possibilità di lavoro, risorse economiche, opportunità da cogliere, ...prostituzione del patrimonio paesaggistico al mercato! Così alcuni giornalisti di National Geographic hanno definito situazioni analoghe. Difendiamo il nostro territorio, la nostra identità culturale, riappropriamoci del Pulo. Massimiliano Piscitelli
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet