Recupero Password
Nuvole nere sull'H. C. Molfetta serve un main sponsor
15 novembre 2011

Sembra assurdo e quasi incomprensibile ma il bellissimo giocattolo chiamato Hockey Club Molfetta sta per rompersi o rischia di rimanere seriamente danneggiato. Il club del presidente Massimo De Palma, anche quest’anno iscritto al massimo campionato nazionale di hockey su pista (Serie A1), è da mesi alla ricerca di un main sponsor che possa supportare una squadra che tante soddisfazioni ha regalato ai molfettesi dalla sua fondazione negli anni ’80 ad oggi. Al momento tanta indiff erenza o tante fumose promesse sono state fatte alla dirigenza biancorossa, che tra mille diffi coltà cerca di portare avanti e far sopravvivere questa bella realtà. Quello che francamente è di diffi cile comprensione è questo: come mai la prima squadra a livello sportivo della nostra città, che porta e pubblicizza il nome di Molfetta e della nostra regione, in tutta Italia e quest’anno anche in Europa, data la storica partecipazione alla Coppa Cers, sia snobbata o abbandonata al suo destino da tutto il notevole tessuto imprenditoriale molfettese? Le partite dell’Hockey Club, vengono costantemente riprese dalla Rai regionale o da Rai Sport; dei biancorossi si parla sulle principali testate giornalistiche nazionali e dai maggiori media locali. Il sito uffi ciale del club inoltre, subisce circa 300 visite giornaliere che in un mese sono quasi 10000 clic. Risonanza notevole e numeri importanti non sfruttati, non visti come una opportunità dagli imprenditori nostrani. Ci si trincera dietro la parola crisi, che c’è e nessuno lo mette in dubbio, ma anche un aiuto minimo, sembra allo stato attuale impensabile. La prima dolorosa risposta della società di De Palma a questa situazione, è stata la risoluzione dopo solo un mese, del contratto del forte giocatore Leonardo Squeo, che con tanto entusiasmo, dopo 15 anni aveva deciso di tornare a giocare a Molfetta per contribuire a far andare sempre più in alto l’hockey molfettese. L’abbandono di Squeo, ha creato sconcerto tra i tifosi e creato scalpore in tutto il mondo dell’hockey: non c’è che dire una magra fi gura che purtroppo la società di piazza Don Sturzo, non ha potuto evitare data crisi economica in cui versa il club. Ciò che preoccupa è che se questa situazione, dovesse continuare a persistere altri giocatori potrebbero lasciare l’Hockey Club: su tutti il bomber cileno Nicolas Fernandez, vero e proprio idolo dei tifosi biancorossi ma anche “el Tamborcito” Tamborindegui, giocatore argentino vero e proprio motore della squadra. La cessione dei pezzi pregiati, porterebbe inevitabilmente il Molfetta verso la retrocessione dalla massima serie e l’uscita della nostra città dall’hockey che conta, dalla vetrina più importante. Il tempo stringe, non si può più aspettare oltre: chi può, chi ha a cuore la nostra città, deve impedire il tramonto dell’Hockey Club Molfetta, che rappresenterebbe una grave sconfi tta e un danno d’immagine notevole per Molfetta, che è conosciuta anche per la sua squadra di hockey. Servono sponsor, servono aiuti che diano nuova linfa all’hockey molfettese, che purtroppo se le cose non cambieranno in tempi brevi, rischia seriamente di cadere nell’anonimato.

Autore: Massimiliano Napoli
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet