Recupero Password
Natale Addamiano a Monopoli dal 3 ottobre con la gravina e le sue luci
15 settembre 2009

A partire dal 3 ottobre, presso la Galleria Spaziosei, in via S. Anna 6, a Monopoli, sarà allestita la nuova personale del pittore molfettese Natale Addamiano, “La gravina e le sue luci”. A organizzare l’esposizione l’Associazione Culturale Spaziosei di Monopoli; curatrice della mostra Mina Tarantino. Sarà possibile visitare l’allestimento sino al 21 novembre dal martedì al sabato, nella fascia oraria compresa tra le 17.30 e le 20.30 o anche in orari differenti, previo appuntamento. Per informazioni, è possibile rivolgersi al numero telefonico 080 802903. Nato nel maggio 1943, l’artista si è trasferito a Milano per frequentare l’Accademia di Brera, dove si è diplomato nel 1972. Ha avuto così inizio una carriera d’alto livello, dalla prima mostra di disegni all’Agrifoglio di Milano alle molte personali e collettive, da Milano a Palermo, da Padova a Bari, da Cracovia a Bilbao, da New York a Tokyo. Di lui hanno scritto innumerevoli critici e artisti, tra cui Dino Buzzati, sul “Corriere della Sera” del 10 gennaio 1971. Appena l’anno scorso, la nostra città ha potuto ospitare una sua stupenda esposizione, allestita tra il Torrione Passari, la Chiesa della Morte e la Sala dei Templari. La sua produzione si avvale dell’ausilio di numerose tecniche e supporti, dal pastello su carta all’olio su tela, alle serigrafie su carta e su tela. L’attenzione dell’artista sembra rivolgersi in maniera decisa alle tematiche del paesaggio e all’auscultazione del mondo naturale. Particolarmente incisivi i suoi diari notturni, filtrati da uno sguardo en rêve, che insegue specchi di luna su acque altrimenti scure, indugia sulle nere migrazioni di “stormi serali” nelle divine malinconie di un profondo azzurro, proietta sull’orizzonte i folli, giallastri riverberi della fiamma che divora i campi e forse anche il cielo. Coglie il peculiare dei notturni cittadini e campestri della nostra Italia, dall’estate al Formicoso, nel trionfo di un rosso tramonto, all’eleganza vagamente spettrale della Torre dell’Orologio dopo la pioggia. Per la personale di Monopoli, Addamiano ha scelto di privilegiare un filone tra i più fecondi della sua produzione, quello delle gravine. Queste ‘voragini’ caratteristiche del paesaggio pugliese, frutto dell’azione di scavo compiuta nella roccia calcarea dalle acque meteoriche, hanno da sempre colpito il fertile immaginario dell’Addamiano, ispirandogli una serie di suggestive creazioni. Ne saranno esposte circa venti nell’allestimento monopolitano. Le vibrazioni del paesaggio murgiano rivivono al ritmo dell’avvicendarsi delle stagioni. In primavera la gravina sembra fiorire: nello splendore calcareo s’insinuano le tonalità dell’azzurro (dal blu chiaro al celeste) e dell’ocra. Talvolta essa si staglia quale compatto blocco, magari bicromatico, in cui a stento si distinguerebbero margine superiore dell’incisione e nubi, in una sorta di armonico compenetrarsi degli elementi naturali in virtù dello sguardo che li abbraccia trasognato. Fondamentale l’azione della luce: essa piove sul paesaggio disvelandone le pulsazioni nascoste, poi restituite liricamente non nelle gradazioni cromatiche effettive, ma in quelle che l’io percepisce. Le nuvole possono così farsi rosacee, le pareti della gravina esplodere d’azzurro e il fondo variare dalle tonalità dell’oro vecchio a quelle delle macchie floreali che vanno dal blu chiaro al rosa al pervinca. A volte il tumultuare di corsi d’acqua effimeri può suggerire l’idea di trovarsi dinnanzi al fragore di una cascata in cui lo sguardo si perde. In una vertigine che non impaurisce, ma culla lo spirito, lo appaga.

Autore: Gianni Antonio Palumbo
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet