Recupero Password
Molfetta, verso l'assemblea dell'Azione cattolica diocesana Assemblea cittadina sabato 5 febbraio nell'auditorium della parrocchia S. Achille in vista dell'Assemblea diocesana (18-20 febbario auditorium Regina Pacis) in cui saranno anche rinnovati gli incarichi triennali
03 febbraio 2011

MOLFETTA - Ogni tre anni gli aderenti dell’Azione Cattolica Italiana stabiliscono le linee programmatiche del proprio percorso associativo e rinnovano gli incarichi di responsabilità. Conclusi gli itinerari delle assemblee parrocchiali entra nel vivo il cammino verso la XIV Assemblea diocesana del 18-20 febbraio (Molfetta, Auditorium Regina Pacis), cui seguirà l’Assemblea nazionale (Roma, 6-8 maggio 2011).
Primo appuntamento in vista dell’assemblea diocesana è l’assemblea cittadina che per Molfetta avrà luogo sabato 5 febbraio presso l’auditorium della parrocchia S. Achille, secondo il programma di seguito specificato:
-  ore 19.00, Accoglienza e momento di preghiera a cura di don Pietro RUBINI, Assistente unitario;
-  ore 19.15, Saluto del Presidente diocesano, Angelo Michele PAPPAGALLO;
-  ore 19.30, Relazione del Coordinatore cittadino Mimmo FACCHINI;
-  ore 20.00, Discussione e proposte di candidature per il Consiglio diocesano 2011/2014;
-  ore 20.30, Momento di convivialità.
Si tratta di un indubbio esercizio di democraticità associativa oltrecchè di laicità dal momento che l’Azione Cattolica Italiana «è un’associazione di laici che si impegnano, in forma comunitaria e organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la realizzazione del fine generale apostolico della Chiesa» (art. 1 Statuto nazionale) con una peculiare attenzione – fra l’altro – alla dimensione sociale per contribuire alla crescita della comunità umana.

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
La laicità non si identifica con alcun credo, con alcuna filosofia o ideologia, ma è l'attitudine ad articolare il proprio pensiero (ateo, religioso, idealista, marxista) secondo principi logici che non possono essere condizionati, nella coerenza del loro procedere, da nessuna fede, da nessun pathos del cuore, perché in tal caso si cade in un pasticcio, sempre oscurantista. La cultura— anche cattolica — se è tale è sempre laica, così come la logica — di San Tommaso o di un pensatore ateo — non può non affidarsi a criteri di razionalità e la dimostrazione di un teorema, anche se fatta da un Santo della Chiesa, deve obbedire alle leggi della matematica e non al catechismo. Una visione religiosa può muovere l'animo a creare una società più giusta, ma il laico sa che essa non può certo tradursi immediatamente in articoli di legge, come vogliono gli aberranti fondamentalisti di ogni specie. Laico è chi conosce il rapporto ma soprattutto la differenza tra il quinto comandamento, che ingiunge di non ammazzare, e l'articolo del codice penale che punisce l'omicidio. Laico — lo diceva Norberto Bobbio, forse il più grande dei laici italiani — è chi si appassiona ai propri "valori caldi" (amore, amicizia, poesia, fede, generoso progetto politico) ma difende i "valori freddi" (la legge, la democrazia, le regole del gioco politico) che soli permettono a tutti di coltivare i propri valori caldi. Un altro grande laico è stato Arturo Carlo Jemolo, maestro di diritto e libertà, cattolico fervente e religiosissimo, difensore strenuo della distinzione fra Stato e Chiesa e duro avversario dell'inaccettabile finanziamento pubblico alla scuola privata — cattolica, ebraica, islamica o domani magari razzista, se alcuni genitori pretenderanno di educare i loro figli in tale credo delirante.
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet