Recupero Password
Leggo e racconto il mondo, scuola Battisti tra giornalismo e narrazione
15 aprile 2012

Dopo essersi calati nella notizia, ecco la notizia. Piccoli giornalisti in erba, nella palestra del II Circolo C. Battisti, hanno assistito a un incontro-dibattito sul tema del tempo per “entrare nella notizia scolastica” prima di scriverla. Grazie al Progetto Lettura, questi bambini stanno avendo l’opportunità di frequentare il laboratorio «Leggo e racconto il mondo», tra giornalismo e narrazione. L’inizio della conferenza è stato segnato dal suono del Big Ben, seguito da alcune voci fuori campo che hanno narrato una storia su quel “quotidiano mistero” che ci appartiene e tanto fugge irrecuperabile. Subito dopo è stato proiettato il video «Si fa presto a dire tempo …», un concentrato di riflessioni scientifiche e filosofiche cui si è riallacciato don Gianluca de Candia (teologo e filosofo) che ha relazionato sul tema «Dietro le quinte del tempo: l’Eterno». Don Gianluca ha introdotto la sua relazione spiegando il mito del dio greco Kronos che divora i figli partoriti dalla moglie Rea. Allo stesso modo noi siamo divorati dal tempo, dietro cui si nasconde l’eterno che sfiorandoci trasforma il Kronos in Kairos permettendoci di vivere in maniera consapevole sia i momenti tristi che gioiosi della nostra vita. In questo modo, vivremmo il presente in maniera più consapevole senza perderci nei ricordi del passato o nell’attesa di un futuro che verrà. La lettura della fiaba di Andersen, «Racconto di una madre», ha concluso l’intervento di don Gianluca con l’auspicio di non abbandonarsi al tempo dell’orologio ma a quello della propria vita. La dott.ssa Tania Solimini (psicoterapeuta familiare) si è, invece, soffermata su un’altra dimensione del tempo, l’attesa che non va percepita come “mordi tempo”, ma come tempo che ci viene offerto per ascoltare, guardare, pensare e percepire la propria stanchezza. La dott.ssa Solimini ha poi invitato i presenti a seguire l’esempio della tartaruga, sottolineando con una canzone di Bruno Lauzi l’importante valore della lentezza. «Due ore spese bene», «l’incontro è stato molto interessante e ha lasciato il cuore di tutti più sereno», «quando a scuola parliamo e raccontiamo facciamo buon uso del tempo», alcuni dei commenti rilasciati dai presenti al termine dell’incontro.

Autore: Angelica Vecchio
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet