Recupero Password
La Melandri carica il centrosinistra da Molfetta: rompiamo l'incantesimo del Paese
29 maggio 2009

MOLFETTA - Giovanna Melandri ha galvanizzato ieri sera il centrosinistra molfettese che ha ripagato la passione del suo impegno riempiendo piazza municipio fino a tarda ora. La serata con l'ex ministro per le politiche giovanili ha confermato ancora una volta la grande attenzione dei leader del partito democratico verso la nostra città e ha riportato al centro della campagna elettorale i temi nazionali e i punti programmatici dei candidati locali del Pd, Nino Sallustio e Tommaso Amato. “L'Italia – ha detto la Melandri – è sotto un incantesimo con un pifferaio che sta governando, ma penso che questo incantamento finirà molto presto, per questo occorre cominciare a costruire una trincea perché quando l'Italia si sveglierà vedremo le polveri di cosa è successo”. Non ha fatto solo critiche alle politiche del governo Berlusconi ma anche proposte alternative “perchè quando l'incantamento finirà il Partito democratico sarà lì con la schiena dritta pronto a tornare al governo”. L'ex ministro è partita dai temi che hanno riguardato direttamente il suo ministero, le politiche giovanili, ricordando come con l'assessore regionale Minervini il suo governo avesse costruito quelle intese che in Puglia si sono concretizzate nel programma “Bollenti spiriti che ha permesso a tanti giovani di formarsi e investire nella propria terra senza doverla abbandonare. Che ha considerato i giovani come una ricchezza per il futuro del paese”. Poi l'attenzione è passata all'attuale momento “difficile, strano e pieno di opportunità che l'Italia sta vivendo”. “Tutti i paesi europei – ha incalzato - hanno affrontato la crisi economica, da quelli governati dalla destra a quelli dalla sinistra, cercando di attivare politiche redistributive che non colpissero la famiglia e i lavoratori. Il governo italiano si è limitato a dire che la crisi non è grave e non ha impiegato le giuste risorse per sostenerei lavoratori e le imprese”. La Melandri è andata giù dura sul decreto sicurezza, definito “decreto manifesto”, omaggio alla lega di Bossi, in favore della quale sono stati anche “buttati miliardi” per evitare che il referendum si svolgesse con le amministrative, e la cui ideologia è il segno culturale di questa maggioranza. “L'insuccesso della disciplina sull'immigrazione - ha ricordato – è figlio della legge che si chiama Bossi-Fini. Ora, poi, con l'introduzione del reato di clandestinità nel nostro paese l'orologio della civiltà giuridica è stato portato indietro, individuando i criminali per quello che si è e non per quello che si fa”. Ma l'elenco dei provvedimenti contestati al governo è ancora lungo: il piano casa, definito ironicamente “piano verande” in cui si sono impegnate risorse che sarebbero servite maggiormente al sostegno agli affitti per i giovani; il taglio dei parlamentari “propagandistico, perché il partito democratico ha già depositato una proposta nel rispetto dell'istituzione stessa e non in spregio della stessa”. In conclusione l'ex Ministro ha citato il piano di rilancio avviato dall'esperienza democratica vincente di Obama e le sue scelte per uscire dalla crisi perché anche “l'Italia con le sue tipicità: bellezza, innovazione, creatività, ambiente deve agganciare la via al superamento della crisi. Perché c'è un'Italia che conta sulle sue risorse, non conta sull'illegalità. La Puglia esprime bene questa idea di Italia e la Provincia di Bari può in continuità continuare a lavorare per realizzarla”.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


ROMPEREMO L'INCANTESIMO... ANCHE CON LA LIBERA INFORMAZIONE CHE CIRCOLA NELLA RETE! Il Senato ha approvato la legge n.733(Pacchetto Sicurezza) includendo l'art.50-bis, “Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere" che cosentirà di mettere sotto controllo la rete (disegno di legge elaborato dal Senatore D'Alia UDC). Cerco di indicare sinteticamente le procedure che la "casta" adotterà: se un qualunque cittadino che magari scrive su un blog dovesse invitare a disobbedire ad una legge che ritiene ingiusta, i provider dovranno bloccarlo. Il Min. Interni, in seguito a comunicazione dell'autorità giudiziaria, può disporre con proprio decreto l'interruzione della attività del blogger, ordinando ai fornitori di connettività alla rete di utilizzare gli appositi strumenti di filtraggio necessari. Nella peggiore delle ipotesi qualsiasi blogger rischierebbe da 1 a 5 anni di galera. ----------------------------------- Dagli scritti di un vecchio "terrorista". "Dobbiamo essere contenti di morire se non possiamo vivere come uomini o donne libere" "È mia ferma convinzione che si perde la libertà soltanto per colpa della propria debolezza" "Considero un aumento di potere dello Stato con il massimo timore perché, pur essendo in apparenza portatore di bene in quanto limita lo sfruttamento, reca il massimo danno all'umanità distruggendo l'individualità che sta alla radice di ogni progresso" "Lo Stato rappresenta la violenza in forma concentrata e organizzata. L'individuo ha un'anima ma lo Stato, essendo una macchina senz'anima, non potrà mai rinunciare alla violenza alla quale deve la propria esistenza" "Rischierei 1000 volte la violenza piuttosto che la distruzione di tutto un popolo" "Ogni sfruttamento è basato sulla collaborazione, volontaria o forzata, dello sfruttato. Per quanto ci possa ripugnare ammetterlo, rimane i fatto che non vi sarebbe sfruttamento se la gente rifiutasse di ubbidire allo sfruttatore, ma ecco intervenire l'interesse e noi abbracciamo le catene che ci legano" Mohandas K.GANDHI. ARRESTATELO!!!

Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet