Recupero Password
“Il diavolo con le zinne”, il “Carro dei Comici” interpreta Dario Fo
15 aprile 2005

La commedia “Il diavolo con le zinne” di Dario Fo, messa in scena presso il teatro Odeon a Molfetta dall'organizzazione culturale “Il Carro dei Comici”, raccoglie i principali capisaldi del pensiero politico-culturale del premio Nobel Dario Fo. Una trama interamente dedicata alla donna ed un'ambientazione tardo-medievale, da sempre vicina al suo teatro. Un periodo storico ricco di una produzione letteraria non ufficiale in volgare (le “giullarate”), il cui valore l'autore ha insegnato ad apprezzare. Non poteva mancare anche la trasversalità storica del messaggio portante della commedia, che prende forma in uno dei personaggi principali, “il giudice massimo in questione Alfonso de' Tristano”. Quest'ultimo si eleva a modello atemporale per la classe intellettuale e laica, ispirata dalle regole e dallo stato di diritto. Il “giudice” illuminato riesce ad ergersi ad osservatore obiettivo e critico anche nei confronti di realtà, come la tortura degli inquisiti, normalmente accettata tra i metodi processuali dell'epoca, data la sua indiscutibile efficacia per la rapida soluzione dei processi. A questo lui contrapporrà estro ed intuizione. Malgrado si sia trattato della prima esperienza teatrale per buona parte degli attori, va riconosciuto che sono riusciti a mantenere il ritmo che la trama comica e giullaresca richiedeva. L'entusiasmo degli attori in scena era palpabile, tanto quanto il nervosismo dietro le quinte, sfociato alla fine dello spettacolo nell'ilarità per una battuta mancata o un'incomprensione di scena non percepita dal pubblico. Importante, per la buona riuscita della commedia, la capacità degli attori di interpretare con seria ironia i personaggi, mettendo in evidenza sia il loro significato storico sia il loro aspetto più comico, frutto di una profonda umanità. Di grande rilevanza artistica la capacità di regia e coordinazione dei due registi Francesco Tammacco e Matilde Bonaccia (principali esponenti del “Il Carro dei Comici”) che non limitandosi ad una mera riproduzione del testo hanno contornato la commedia di figure teatrali “fuori canovaccio”, senza sacrificare l'organicità della storia. Laura Amoruso laura.amoruso@quindici-molfetta.it
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet