Recupero Password
Il Comitato civico spontaneo di centrodestra: l'amministrazione Natalicchio di Molfetta non vuole la solidarietà ai marò
23 ottobre 2014

MOLFETTA – Il Comitato civico spontaneo di centrodestra interviene sulla votazione di solidarietà ai due marò detenuti in India, nel consiglio comunale di Molfetta.

«Nessun gesto simbolico a sostegno dei nostri Marò: è stata questa l’assurda scelta dell’amministrazione Natalicchio dopo che finalmente, lunedì scorso, il nostro o.d.g. è stato discusso in Consiglio Comunale. Centinaia di persone avevano sottoscritto il suddetto punto all'o.d.g. proposto dal Comitato Civico Spontaneo che prevedeva: “…di manifestare sostegno, vicinanza e solidarietà a nome della Città di Molfetta ai nostri due fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone della Brigata San Marco, tutt’ora, a oltre due anni degli eventi, prigionieri in terra straniera e illegittimamente privati della libertà dalla magistratura indiana. A tale fine  viene esposto su ogni stabile Comunale, all’esterno, sino alla riconsegna dei nostri fucilieri, uno striscione con la dicitura “LIBERATE I MARO’” e bardato il sito comunale istituzionale con il nastrino giallo simbolo dell'impegno in favore dei fucilieri…”; ma le varie attese sono state disilluse da una maggioranza indecisa e claudicante persino sul sostenere i nostri ragazzi.

Lo stesso sindaco Natalicchio, e basterebbe riprendere le registrazioni del consiglio comunale per risentirlo, ha addirittura messo in dubbio l'innocenza dei fucilieri di Marina illegittimamente detenuti in India.

E se questo non bastasse, a gettare ulteriore vergogna è il punto all'o.d.g. alternativo proposto dal PD:
un mero copia e incolla di quello da noi presentato, dal quale, però, è stata qualsivoglia forma di solidarietà e vicinanza, non riconoscendo neppure gli studi condotti dalla Fondazione “A.N.M.I.G.” e dall’Associazione “Eredi della Storia”.

Ma oltre il danno, la beffa arriva dalle parole del Sindaco e della segreteria del PD locale che accusano il Comitato Civico di aver "strumentalizzato" la triste e assurda vicenda dei Fucilieri di Marina Italiana, al sol fine di spaccare la maggioranza (ricordiamo che PD ha votato o.d.g. alternativo, mentre SEL ha deciso di astenersi).

Bene hanno fatto i nostri consiglieri Mastropasqua e Pisani a rispedire le accuse al mittente e a chiedere i motivi per cui una semplice richiesta, supportata da diversi cittadini molfettesi, potesse addirittura portare a fratture interne alla maggioranza, forse preesistenti.

Dalla figuraccia rimediata da questa amministrazione una cosa è certa: l'amministrazione non intende in alcun modo manifestare apertamente la vicinanza ai nostri Marò e qualcuno di loro dubita persino della loro innocenza.

Il Comitato Civico Spontaneo, pertanto, preso atto di quanto accaduto in consiglio comunale e auspicando che al più presto i nostri militari possano tornare in Italia ed essere giudicati secondo il diritto italiano e non quello indiano (considerato che il tragico evento è avvenuto in acque internazionali e non territoriali), invita ogni cittadino che volesse manifestare la propria vicinanza ai due Marò ad esporre sul proprio balcone una bandiera tricolore o dei palloncini gialli.

Per segnalazioni e/o informazioni: comitatospontaneomolfetta2018@gmail.com

Il COMITATO: Pietro Mastropasqua, Antonello Pisani, Giacomo Rossiello, Robert Amato, Saverio Bufi, Saverio Digioia, Roberto Sciannamea, Giacomo Piepoli, Fabio Petruzzella, Vittorio Sasso, Andrea de Gennaro, Nico Bufi, Paola Latino, Gerardo de Marco, Pino Catalano, Michele la Grasta, Salvatore Mancini, Domenico de Gennaro, Marco Boccassini, Paola Mastropasqua, Raffaele Bronzuoli, Enza de Gioia, Domenico Altamura, Alessandro Camporeale, Cosmo Piergiovanni, Antonio De Bari, Nicolò Francesco Memola, Michele Memola, Vito Samarelli, Massimo Gadaleta, Nicola Visaggio, Giovanni Capurso, Biagio Altizio, Francesco Mastropasqua, Domenico La Forgia, Raffaella Ayroldi, Christian D’Agostino, Nikolas Ragno, Giuseppe Marzocca, Gianni Capursi, Giuseppe Mezzina, Graziano De Pinto».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Al fine di fare chiarezza, pubblico qui sotto un estratto dell'ordine del giorno proposto dal consigliere comunale del PD, Roberto la Grasta, e approvato a maggioranza dal Consiglio Comunale: "Il Consiglio Comunale (omissis) delibera: 1) di manifestare sostegno, vicinanza e solidarietà a nome della Città di Molfetta ai nostri militari Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i quali da due anni vivono sottoposti a limitazioni delle loro libertà personali, in terra straniera e lontani dalle loro famiglie, pur in assenza di ogni accertamento della verità; 2) di invitare il Governo Italiano, i Ministeri degli Esteri di tutti i Paesi partner dell'Unione Europea, l'Alto Rappresentante degli Esteri della Commissione Europea, on. Federica Mogherini, il Parlamento Europeo e l'Organizzazione delle Nazioni Unite ad esperire con determinazione un'azione congiunta e ad intraprendere ogni utile iniziativa nei confronti della Repubblica dell'India per una rapida soluzione diplomatica, anche attraverso un arbitrato internazionale, della controversia nella quale sono coinvolti i fucilieri di Marina, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, al fine di consentire l'immediata liberazione e il contestuale ritorno in Italia dei due militari italiani 3) Di esprimere il cordoglio della Città di Molfetta alle famiglie dei due pescatori indiani, Valentine Jalstine, di anni 45, e Ajesh Binki, di anni 25, colpiti mortalmente, per cause ancora tutte da chiarire, il 15 febbraio 2012 da colpi di arma da fuoco a bordo della loro imbarcazione, al largo delle coste del Kerala". Il Consiglio Comunale di Molfetta, quindi (contrariamente a quanto sostenuto in questo comunicato stampa), ha espresso sostegno, solidarietà e vicinanza a Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, e ha invitato tutti i soggetti istituzionali coinvolti a risolvere diplomaticamente la questione per consentire l'immediato rimpatrio dei nostri militari. Perchè raccontare bugie, negando l'evidenza?
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet