Recupero Password
Il “coleottero della palma” individuato a Molfetta: abbattuto un albero secolare in pieno centro
25 ottobre 2007

MOLFETTA - È noto come “Punteruolo Rosso”, ma il suo nome scientifico è Rhinchophorus ferrugineus. È un piccolo coleottero originario dell'Asia meridionale e della Melanesia, importato di recente in Italia, innocuo per la salute dell'uomo ma estremamente dannoso per le palme. Il Nucleo Ambientale della polizia municipale di Molfetta ne ha riscontrato la presenza su un albero di palma secolare situato in piazza Aldo Moro, il quale è stato prontamente abbattuto. «La presenza del coleottero – spiega l'assessore all'Ambiente Mauro Magarelli – non arreca danno alla salute dell'uomo. Tuttavia, una vola che la palma viene aggredita dal Punteruolo Rosso, si indebolisce la sua struttura portante e il rischio caduta diventa un serio pericolo per l'incolumità dei passanti. Siamo rammaricati per la perdita di un così importante patrimonio storico vegetativo della città, ma su tutto viene prima la salvaguardia della sicurezza pubblica». L'allarme è scattato in tutta la Regione Puglia. L'albero secolare abbattuto in piazza Aldo Moro (nel giardino pubblico prospiciente la stazione ferroviaria) è stato il primo caso accertato a Molfetta. Durante le fasi di abbattimento sono intervenuti anche i responsabili dell'Ufficio Fitosanitario dell'assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia e i tecnici dell'Università di Bari che stanno seguendo il caso. Il sindaco Antonio Azzollini ha dato il via libera a una task force comunale, coordinata dal Ten. Gaetano Camporeale del Nucleo Ambientale, al fine di monitorare l'intero territorio cittadino e produrre una completa mappatura delle aree eventualmente infestate. «Abbiamo disposto una ordinanza in capo a Reti Ferroviarie Italiane – conferma l'assessore comunale all'Ambiente Mauro Magarelli – per la immediata rimozione di altre due piante che si trovano presso un immobile adiacente alla linea ferroviaria, ad altezza dell'istituto Apicella». Un'altra palma è stata individuata all'interno di una villa privata situata in via Terlizzi, mentre sotto osservazione si trovano le palme di via Dante. «I danni causati dal Punteruolo Rosso sono visibili solo in una fase avanzata dell'infestazione» spiega l'assessore Magarelli. «I sintomi esteriori, sintomatici dell'infestazione, si evidenziano attraverso l'anomalo portamento della chioma degli alberi di palma, che assume la particolare forma cascante dall'aspetto simile a un ombrello aperto». Il coleottero comunemente noto “Punteruolo Rosso” si annida all'interno della palma (in particolare nella chioma dell'albero). Una volta completato il suo ciclo vitale la femmina vola via e va a deporre le proprie uova (circa 300) in piccole cavità dei tronchi di altre palme o in corrispondenza delle superfici di taglio delle foglie. Dopo 2-5 giorni dalla deposizione delle uova nascono le larve le quali si introducono all'interno del tronco e si cibano dei suoi tessuti indebolendo la struttura portante dell'albero. Le larve, infatti, si spostano all'interno della pianta scavando tunnel e larghe cavità che diventano il luogo ideale per lo sviluppo dell'insetto. Dato il lungo periodo in cui le larve restano all'interno della pianta risulta difficile intervenire immediatamente con dei comuni antiparassitari.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet