Recupero Password
Guglielmo Minervini commenta l'esito del referendum: “Risultato straordinario” Anche Nichi Vendola è intervenuto: “Bocciata la violenta riforma della destra”
27 giugno 2006

MOLFETTA - “E' un risultato straordinario”. Sono queste le prime parole con le quali Guglielmo Minervini, assessore regionale alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva, commenta l'esito del referendum costituzionale che ha portato a respingere senza appello la riforma della nostra Carta fondamentale, approvata dal centrodestra nell'ultimo scorcio della scorsa legislatura. “La nostra Costituzione è salva – prosegue l'assessore della Margherita – e con essa tutto il patrimonio di valori di cui è da sempre portatrice, a cominciare da quelli di uguaglianza e solidarietà tra tutti i cittadini che quella sciagurata riforma voleva di fatto cancellare, introducendo, con la devolution, inaccettabili sperequazioni territoriali nel godimento di diritti fondamentali quali quelli alla salute o all'istruzione. I cittadini hanno chiaramente detto, anche attraverso una partecipazione al voto che è andata certamente al di là delle aspettative, di credere ancora e con convinzione ai principi fondamentali che sono alla base della nostra Repubblica e del nostro vivere civile”. Anche Molfetta ha dato un contributo significativo per bocciare la riforma della Costituzione voluta dalla Casa delle Libertà, con oltre il 76% di voti espressi per il NO: “E' la conferma – prosegue Minervini – che quando il confronto politico si sposta sul piano delle idee e dei valori, il centrosinistra è vincente e il centrodestra perde sempre. Anche questo risultato dimostra ancora una volta, laddove ve ne fosse bisogno, che quando c'è un'idea alta della politica da difendere o da sostenere, quando c'è un progetto politico denso di valori e significati in cui potersi identificare e riconoscere, il nostro elettorato si mobilita in modo convinto ed entusiasta. E' questa un dato sul quale riflettere molto. E' sintomatico, per altro, che l'esito di questo referendum sia arrivato proprio nel giorno in cui il sen. Azzollini (che quella riforma costituzionale ha voluto, votato in Parlamento contro gli interessi del Mezzogiorno e difeso anche in questa campagna referendaria) presentava la sua nuova giunta. Uno smacco politico significativo per la Casa delle Libertà, dato dalla stragrande maggioranza dei cittadini molfettesi a pochi giorni dalle elezioni amministrative”. Sul referendum è intervenuto anche il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola: “La saggezza democratica del popolo italiano ha sconfitto sonoramente il disegno di violenta contro-riforma della nostra Costituzione. Tutta l'Italia, da Nord a Sud, ha detto un NO chiaro e forte a Bossi e Berlusconi, a Fini e a Casini: contro gli apprendisti stregoni della devolution, contro una riorganizzazione autoritaria del nostro sistema istituzionale, contro i nemici di quel principio di eguaglianza dei cittadini che fa della nostra Carta costituzionale un testo prezioso e moderno. La destra ha dunque perso, anzi ha riperso. E la Puglia ha dato un contributo straordinario alla vittoria del sentimento di unità nazionale, di solidarietà tra le regioni, di equilibrio democratico tra i diversi poteri dello Stato. L'Italia, unita nella cultura dei diritti e della partecipazione democratica, ha definitivamente sgomberato il campo dai veleni della predicazione secessionista e xenofoba e ha inferto un colpo profondo a quell'ideologia liberista che soffoca e comprime la voce delle persone e delle comunità”.
Autore: Giulio Calvani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet