Recupero Password
Giovedì prossimo Azione Giovani ricorda Paolo Borsellino A quindici anni dall'attentato si terrà un'iniziativa a Bari
18 luglio 2007

MOLFETTA – Giovedì prossimo, 19 luglio, alle ore 17.00 presso P.zza S. Ferdinando a Bari si terrà una manifestazione in ricordo della strage di via D'amelio, accaduta esattamente quindici anni fa, in cui perse la vita il procuratore aggiunto Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta. L'iniziativa è organizzata dalla Federazione Provinciale di Bari di Azione Giovani; alla stessa, ha aderito e sarà presente una folta delegazione del circolo territoriale di Molfetta di Azione Giovani. Con l'attentato, sul quale si sta ancora indagando per scoprire di quali connivenze anche negli apparati dello Stato godesse la mafia, morì il giudice Borsellino che, assieme a Giovanni Falcone (ucciso a Capaci poche settimane prima) con spirito di servizio e massima dedizione al lavoro, ha sacrificato la propria vita per liberare l'Italia dalla piaga della criminalità organizzata. “Il Suo esempio – recita un comunicato diffuso da Azione Giovani - deve essere un faro che illumina i nostri destini; il Suo desiderio di giustizia deve essere la strada da seguire per giungere alla meta della libertà”. “Paolo Borsellino – termina la nota - ha lottato per la libertà dell'Italia, oggi abbiamo l'obbligo di ricordare la Sua immensa figura”. “Se la gioventù negherà il consenso anche la onnipotente, misteriosa mafia svanirà come un incubo” Paolo Borsellino
Autore:  
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Io veramente non capisco. Innazitutto non capisco perchè ricordate Borsellino e non Falcone... Come mai Borsellino si e Falcone no? Facevano forse mestieri diversi? Sono forse morti in maniera diversa? O forse semplicemente perchè Borsellino era di destra? Ma allora ditelo che quello che volete fare e solo mettervi in evidenza! Quello che mi da fastidio e che lo fate su temi così delicati.... e così condivisi come la lotta alla mafia. Vorrei ricordarvi che in sicilia, siete al governo con Cuffaro. Cuffaro olte che essere imputato di associazione mafiosa, ha in passato rinnegato l'esistenza della mafia. Come risolvete questa anomalia. Come la giustificate? Non riesco a spiegarmelo! Non mi spiego come mai siete stati al governo assieme a gente imputata e condannata di reati di mafia. La politica non è attaccare un manifesto al muro (o non dovrebbe esserlo). E' fatta di atti concreti, voi non arrivate da anni di opposizione al governo, ma da 5 anni di pieno governo con una larga maggioranza. Io penso che Borsellino, se fosse ancora vivo, ripudierebbe questa destra. Questa destra che ricorda i morti e non sostiene i vivi. Spendete qualche parola sui magistrati vivi e che attualmente operano attivamente a Palermo, a Napoli a Reggio Calabria ed in tutte le Regioni d'Italia. Perchè nel passato o visto solo attacchi da parte vostra e dei vostri alleati! Penso che questo sia il modo giusto di ricordare i martiri della mafia(tutti i martiri della mafia: Falcone, Borsellino, La Torre, Dalla Chiesa e tutti gli altri morti). Sarebbe veramente bello(e magari anche efficace) se ci unissimo in questa lotta indipendentemente dal nostro colore politico.







Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet