Recupero Password
Due turisti svizzeri rapinati davanti al Duomo di Molfetta Ancora violenza e illegalità, mentre le autorità continuano a minimizzare
02 ottobre 2006

MOLFETTA - Ancora episodi di illegalità e di violenza a Molfetta. Questa volta ad essere protagonisti sono stati due turisti svizzeri in visita al Duomo e il proprietario di un'auto in sosta incendiata all'alba di ieri. Le notizie non divulgate dalle fonti ufficiali (non sempre imparziali in questa città, ma abbastanza partigiane, ndr) ci sono state raccontate da un lettore (anche noi abbiamo le nostre fonti), che riteniamo abbastanza affidabile e rappresenta un'ulteriore conferma della situazione di allarme che andiamo denunciando da tempo. Veniamo alla cronaca: una coppia di turisti svizzeri di mezz'età, arrivati a Molfetta sabato pomeriggio intorno alle 15 dall'aeroporto di Palese con una vettura Smart Forfour di colore grigio che avevano noleggiato, si allontanano dall'auto in direzione del Duomo per visitarlo. Trovata, purtroppo, la chiesa chiusa, tornano alla Smart e scoprono che, nel giro di qualche minuto, ignoti hanno rotto un finestrino e rubato il navigatore satellitare, lo stereo e alcuni effetti personali. Aiutati da alcuni passanti, che hanno provveduto a rimuovere i vetri con scopa e paletta fornite dal Bar Al Duomo, i due stranieri chiamano i carabinieri che li invitano a recarsi in caserma per presentare denuncia, mentre i vigili urbani ai quali avevano chiesto aiuto, dicono di non poter intervenire in quanto il turno di servizio cominciava alle 16. I due turisti vengono poi stati riaccompagnati dagli amici molfettesi in aeroporto e ai quali volevano offrire una ricompensa che i due hanno gentilmente rifiutato. Una bella immagine per la nostra città, altro che rilancio turistico! Altro episodio, riferitoci sempre da fonti non ufficiali: alle 3 di ieri tra via Federico Campanella e via Amedeo è esplosa una macchina alla quale qualche balordo di quelli che girano impunemente per la città, aveva dato fuoco. Anche questa notizia l'abbiamo in esclusiva e la diamo in esclusiva, non da fonti cosiddette ufficiali. Allora abbiamo ragione a lanciare l'allarme illegalità? Chi lo nega, evidentemente non fa bene il proprio mestiere. Noi cerchiamo di fare bene e correttamente il nostro. Sarebbe ora, perciò, di correre ai ripari: meno chiacchiere, meno mondanità ed esibizionismi e più fatti concreti.
Autore:
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
















Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet