Recupero Password
Cosimo Altomare commenta la nuova giunta: "La montagna ha partorito un topolino"
23 novembre 2005

MOLFETTA - 23.11.2005 Sulla nomina dei dieci nuovi assessori fatta nella serata di ieri dal sindaco Tommaso Minervini, è intervenuto, con una nota, Cosimo Altomare, candidato alle elezioni primarie del centrosinistra fissate per il prossimo 4 dicembre. “Dopo oltre quaranta giorni di vertici, incontri e trattative – è il suo commento – la montagna ha partorito un topolino. Questa nuova giunta varata nella serata di ieri da Tommaso Minervini nasce nelle peggiori condizioni possibili, tra veti incrociati delle diverse forze politiche ed in un clima di veleni e sospetti all'interno della coalizione di centrodestra che di certo non lasciano presagire nulla di buono per Molfetta. Una cosa è certa: il sindaco ormai è sotto tutela con la ingombrante presenza in giunta del senatore Antonio Azzollini, che dimostra di non avere più nessuna fiducia nel primo cittadino, tanto da vedersi costretto a scendere in campo direttamente per “marcarlo a uomo” ed affermare chiaramente la sua indiscussa leadership all'interno del centrodestra. Tommaso Minervini è ormai un sindaco dimezzato, altro che progetto civico! Ma questa vicenda evidenzia ancora una volta, laddove ve ne fosse bisogno, lo scollamento profondo che esiste tra la città, sgomenta per questa interminabile instabilità amministrativa, e la maggioranza di governo che, priva di sensibilità istituzionale ed alle prese con imbarazzanti casi di cronaca giudiziaria, ha continuato a trattare la ricomposizione della giunta sui soliti tavoli o tavolini da bar per arrivare, alla fine, a questo rabberciato compromesso. Ormai è evidente come non esista più nessun legame di fiducia tra i cittadini e questa amministrazione. D'altro canto, senza entrare in considerazioni sui componenti della nuova giunta (molti dei quali non conosco personalmente) che valuteremo per le cose che riusciranno a fare nell'interesse di tutti, mi chiedo che senso abbia varare un nuovo esecutivo a soli cinque mesi dalle elezioni e con la campagna elettorale già avviata. I nuovi assessori, specie quelli del tutto a digiuno di esperienza politica e amministrativa, non avranno neanche il tempo di comprendere quali siano le logiche complesse di un ente strategico come il Comune, che già dovranno fare le valigie. Comunque – conclude Cosimo Altomare, candidato sostenuto dalla Margherita, dai Socialisti Autonomisti, dall'Udeur, dai Verdi e dai Repubblicani Europei – mentre il centrodestra trattava per raggiungere questo mediocre compromesso al ribasso, noi del centrosinistra abbiamo continuato e continueremo nelle prossime settimane il processo di coinvolgimento democratico della città, in vista dell'importantissimo appuntamento con le elezioni primarie del prossimo 4 dicembre, al fine di costruire una credibile alternativa di governo a questo pastrocchio indigeribile che la città presto boccerà nelle urne”.
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2024
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet