Recupero Password
BASKET - Virtus Molfetta parla Filianoti uno degli artefici del lontano “sogno”
15 marzo 2007

MOLFETTA - Sta attraversando un periodo un po' difficile la Nuova Virtus Basket Molfetta che nelle ultime quattro gare ha collezionato una sola vittoria. Colpa un po' della forma fisica di alcuni atleti, un po' dell'assenza forzata di uno dei suoi uomini chiave; domenica i ragazzi di coach Carolillo si presenteranno al PalaLosito concentrati per far bella figura con le serie intenzioni di allontanare gli spettri della crisi. Di esperienze come questa ne ha già vissute in minima parte lo scorso anno, parliamo di Roberto Filianoti (nella foto). Tutti i tifosi e chiunque senta questo nome ripensa a quell'ormai lontano 8 giugno 2006, ma anche alle precedenti sfide, quando ebbe il difficile compito, perfettamente assolto, di marcare un certo Delli Carri in finale play-off. Solo a sentir pronunciare il nome di quel terribile “cecchino”, a Roberto brillano gli occhi: la gioia per quei momenti e l'orgoglio sono sentimenti che ancora avverte. Dopo quella gara il pubblico sugli spalti lo acclama, lo incita continuamente fa sentire il proprio affetto nei confronti di un giovane talento. Come Carolillo in quell'occasione “indovinò” la mossa vincente? “L'anno scorso come anche quest'anno ogni qual volta che il coach mi ha fatto entrare, ho messo tutto il mio impegno per contribuire al successo della squadra. Durante i play-off dello scorso anno, il coach mi scelse per una marcatura stretta in modo da poter fermare il “cecchino” pronto a castigarci dalla lunga distanza. E andò bene…”. Come mai secondo te quest'anno in situazioni simili quando si trattava di marcare una guardia o un tiratore, il coach non ha puntato sulla tua esperienza? “Dipende dalle partite, dalle situazioni che si stanno vivendo, io appena ho la possibilità, la sfrutto al massimo. Ovviamente è sempre il coach che decide dalle intenzioni e dall'impostazione della gara. Alle volte non è sempre possibile dar spazio a tutti, l'importante è giocare per il successo della squadra”. Parliamo un po' della partita di domenica… che cosa è successo? “Domenica la partita era difficile. Avremmo potuto benissimo portare a casa i due punti, purtroppo ci è mancata un po' di concentrazione e anche un pizzico di fortuna. Dal terzo quarto si è giocato punto a punto e appena loro hanno allungato con un mini-break, non abbiamo recuperato. L'avversaria era, a mio parere, nettamente più scarsa di noi, le abbiamo dato l'opportunità di vincere che loro hanno ben sfruttato. Abbiamo regalato due punti”. Lo spogliatoio come sta vivendo i preparativi al derby di domenica a Corato? “Siamo tranquilli, sappiamo che stiamo attraversando un momento di calo fisico, ma stiamo lavorando intensamente in allenamento, correggendo gli errori fatti nelle gare precedenti. La nostra reazione la vedrete nella gara di domenica, siamo molto carichi, per quanti saranno fortunati a trovare il biglietto. Gli altri potranno seguire la diretta radiofonica sulle frequenza di Primaradio”. Un pronostico su quanti minuti ti concederà il coach? “Non azzardo nulla, spero di dare il mio contributo.” Si sta ambientando el Ciavo? “Sì è un bravo ragazzo, si è ambientato subito e sta già facendo bene. Domenica ha disputato un'ottima partita”. Grazie per questa intervista e in bocca al lupo per domenica Crepi…
Autore: Leonardo de Sanctis
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2022
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet