Recupero Password
Approvato il nuovo assetto strutturale ed organizzativo di base della Ausl Ba/2 Presto nuove assunzioni per primari, medici e infermieri
17 maggio 2006

MOLFETTA - “Ora ci sono tutte le premesse per avviare concretamente quel processo di riqualificazione del nostro ospedale per troppo tempo atteso”. Sono queste le parole con cui l'assessore regionale alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva, Guglielmo Minervini, commenta l'approvazione del nuovo assetto strutturale ed organizzativo di base per la Ausl Ba/2, avvenuta nel corso della seduta di Giunta regionale tenutasi nel pomeriggio di ieri. E' questo uno strumento resosi indispensabile a seguito della nascita della nuova Ausl Bat/1 e della conseguente rimodulazione territoriale delle diverse aziende sanitarie al fine di consentire una più corretta gestione nell'esercizio delle attività essenziali in materia di tutela della salute. Con questo provvedimento, infatti, viene dato un nuovo assetto complessivo alla nostra Ausl e “si introduce – come si legge in una nota diffusa dalla segreteria dell'assessore Minervini – una più coerente ed efficace riorganizzazione dell'assistenza sanitaria”. Nel nuovo assetto strutturale ed organizzativo, l'ospedale di Molfetta vede riconosciuto il suo ruolo di presidio ospedaliero di riferimento all'interno del distretto socio-sanitario Molfetta – Giovinazzo. Questo comporta il mantenimento di tutti i reparti esistenti e la individuazione come strutture complesse, dotate cioè di autonomo primario, per i reparti di chirurgia generale, ortopedia, pronto soccorso, anestesia, cardiologia, radiologia ed emotrasfusionale. A tutto questo va aggiunta anche l'istituzione di due nuove strutture complesse: una di nefrologia ed una di rianimazione e postchirurgia che rappresenterà il polo di riferimento per tutta la Ausl Ba/2. “Questo provvedimento – ha commentato l'assessore alla Trasparenza e Cittadinanza Attiva, Guglielmo Minervini – testimonia l'attenzione con la quale il governo regionale sta affrontando il delicato tema della sanità, dando risposte concrete ai bisogni dei cittadini dopo anni in cui a questa materia ci si era approcciati con logiche aride e meramente ragionieristiche. La nostra città porta ancora le ferite profonde inferte al nostro ospedale dal dissennato Piano di Riordino Ospedaliero firmato da Raffaele Fitto e dalla sua amministrazione di centrodestra. Oggi, invece, con questo primo provvedimento ed in prospettiva del nuovo Piano sanitario regionale al quale la Giunta sta lavorando, diamo alla Ausl Ba/2 un nuovo assetto strutturale ed organizzativo di base”. Ma l'assessore Minervini comunica anche un'altra importante novità: “Nella seduta di giunta regionale di ieri è stata approvata anche la deroga che consente alla direzione generale della nostra azienda sanitaria di poter procedere all'assunzione a tempo indeterminato di numerose ed indispensabili figure professionali tra cui il primario di medicina interna, il primario di psichiatria, un dirigente di anestesia e di rianimazione, sette dirigenti di chirurgia e diciassette infermieri. Competenze, queste, che consentiranno di garantire velocemente l'effettiva piena operatività di tutte le strutture individuate”. Insomma la “rivoluzione gentile” in materia sanitaria, annunciata da Nichi Vendola in campagna elettorale circa un anno fa, comincia finalmente a dare i suoi frutti.
Autore: Giulio Calvani
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2023
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet