Recupero Password
Visita del Papa a Molfetta. Quante inutili vanterie. La corsa ai posti a sedere e al “c’ero anch’io in prima fila”. Poca religiosità e molta ipocrisia
18 aprile 2018

MOLFETTA - Dotati di super poteri. Molfettesi si sa, brava gente, molte volte impreparata a gestire situazioni improvvise e grandi. Spesso quando la situazione sfugge di mano, il molfettese anziché ammettere i propri limiti non si barrica sulle retrovie, ma procede come un kamikaze immolandosi alla causa.

E’ quello che sta succedendo per la imminente visita del Santo Padre in ricordo del nostro compianto vescovo Don Tonino Bello. Un evento unico irripetibile a cui nessuno intende rinunciare. “Tutti vogliono viaggiare in prima”, come  riporta una strofa di una nota canzone e il molfettese vuole assistere in prima fila/classe e vuole che anche il suo clan possa fruire della vista del Santo Padre da una posizione privilegiata.

Non si tratta di rinnegare gli aspetti positivi, la stragrande maggioranza, di una città e dei suoi cittadini che mi hanno accolta e dai quali ho appreso e imparato tanto da considerarmi una molfettese doc. E’ amara constatazione di una cittadina molfettese. Mi riferisco alle vanterie del possesso esclusivo dei “pass per assistere alla messa officiata da Papa Francesco”. Quando in realtà chiunque poteva ricevere il pass dalla parrocchia o dal sito diocesano. Ma c'è stato anche il solito personaggio che ha offerto posti a sedere. E questo non sta bene e si dovrebbe indagare su chi ha abusato della sua funzione. Non si può rovinare una festa dove c'è stato il lavoro di tanti, per colpa di qualche "sprovveduto".

Fino ad alcune settimane fa sulla questione aleggiava il buio assoluto, inutili le ricerche su internet ma i soliti noti assicuravano col sorriso sornione di aver già il proprio e l’altrui posto assicurato. Poi timidamente sono comparse le prime notizie: registrazione delle parrocchie, accesso degli alunni, pass per residenti e lavoratori della zona interessata oltre a prenotare balconi e terrazze. Per questi ultimi, ignari cittadini si sono visti rivendicare lontane e improbabili parentele di germani e cugini delle trisavole che si sono annunciati esordendo “Come non ti ricordi di me? Ti ho conosciuta quando tua madre era alla dodicesima settimana di gestazione e tu eri già una bellissima bambina”.

Va veniamo al dunque. Assisto ormai da qualche giorno a proposte di ottenimento di pass da più parti, da gente che mi offre pass per assistere in pole position alla messa, credo di aver collezionato numerose vantaggiose offerte a cui ho risposto sempre meno educatamente “Rifiuto l’offerta e vado avanti”.

Per me, che ho ricevuto tutti i sacramenti tranne l’estrema Unzione, per me che non sono donna di Chiesa in senso stretto, per me che non vado a messa, che preferisco azioni concrete ad una ostentata rappresentazione della religiosità, che provo una profonda idiosincrasia verso pie donne e integerrimi uomini che dopo aver ricevuto la Comunione emettono giudizi negativi nei confronti del credente seduto accanto a loro, che stringono mani in Chiesa scambiandosi il segno di pace, ma sono in guerra con se stessi e col mondo intero, per me tutta questa manifestazione che ricorda poco la religiosità e tanto il “io c’ero” fa ribrezzo semplicemente e non intendo usare eufemismi.

Non posso e non intendo arrogarmi giudizi altrui, non dirò, come stanno facendo in molti, di essere stata una persona vicinissima a Don Tonino, di essere entrata in Seminario e di essergli stata vicina durante la sua malattia perché non sarebbe vero. Don Tonino l’ho conosciuto per strada e non in Chiesa, di Lui ho sempre apprezzato l’Uomo, la trasposizione dalla teoria alla pratica del messaggio cristiano e mi chiedo quanti ora siano sinceri e non lo abbiano criticato quando nel Vescovado ospitava gli ultimi e che ora vogliono solo brillare della sua luce riflessa.

Credo semplicemente che Don Tonino non avrebbe voluto tutto ciò, che avrebbe incontrato un altro grande uomo, Francesco così simile a lui, sotto un albero di ulivo o al punto estremo del nostro porto, vestiti semplicemente e non con i paramenti sacri e guardando il Santuario della Madonna dei Martiri avrebbero condiviso medesime idee. E’ questa l’immagine che vorrei ricordare.

© Riproduzione riservata

Autore: Beatrice Trogu
Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""


Non sono novità: tutte le religioni del pianeta si conciliano con l''ipocrisia. Basta parlare con un qualsiasi appartenente a qualsiasi confessione religiosa, mettere i "punti sulle I", parlare fino al punto di essere anche definito "antipatico" (è un rischio da correre se si vuol capire), capisci subito che "ognuno prega il suo dio", ognuno è convinto di avere un "santo protettore" (non si capisce il perché). Il tutto dettato dalla paura "dell''aldilà". Attenzione: dicono tutti convinti: "sono solo modi di dire". - Dopo che ebbe finito di parlare, un Fariseo lo invitò a pranzo. Quando Gesù arrivò, si sedette subito a tavola, senza aver prima rispettato il rito di lavarsi le mani, richiesto dalla tradizione ebraica. Il Fariseo ne fu molto sorpreso. Allora Gesù gli disse: «Voi Farisei vi preoccupate di lavare lʼesterno, ma allʼinterno siete sporchi, pieni di avidità e cattiveria! Sciocchi! Non è stato forse Dio a fare sia lʼinterno che lʼesterno? La purezza si dimostra meglio con la generosità! Ma guai a voi, Farisei, che siete scrupolosi nel dare la decima, perfino della menta, della ruta e di ogni tipo di erba nei vostri orti, ma trascurate completamente la giustizia e lʼamore di Dio! Certo, è giusto dare la decima, ma non dovreste trascurare tutte le altre cose. Guai a voi, Farisei! Perché vi piace occupare i posti dʼonore nelle sinagoghe ed essere riveriti da tutti, quando passate nelle piazze! Guai a voi, perché siete come tombe nascoste in un prato. Chi vi passa vicino non immagina la corruzione che contenete! Allora un dottore della legge, che era lì presente, disse a Gesù: «Signore, parlando così, offendi anche la mia professione! "Sì", rispose Gesù, "guai anche a voi! Perché imponete alla gente degli obblighi talmente pesanti, che voi stessi non vi sognereste nemmeno di sfiorare con un dito! Guai a voi, che costruite le tombe per i profeti che i vostri antenati hanno ucciso! Assassini! Così facendo, voi dimostrate di approvare quanto fecero i vostri padri: essi assassinarono i profeti e voi completate lʼopera, costruendo le tombe per loro................I Farisei e i dottori della legge erano furiosi. Da quel momento in poi cominciarono a bersagliarlo ferocemente con un sacco di domande; e cercavano di intrappolarlo, facendogli dire qualcosa di compromettente per cui poterlo arrestare.




Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet