Recupero Password
Villa comunale e Muraglia a Molfetta preda di bande di ragazzi. Intervengono i carabinieri. Ma non basta
La villa comunale
21 agosto 2018

MOLFETTA – “Quindici” aveva già segnalato le scorrerie di alcuni ragazzi o giovani all’interno della villa comunale di Molfetta.

L’amministrazione comunale aveva messo una guardia armata, ma la cosa si è rivelata inutile perché queste bande di ragazzi minacciano anche il vigilantes.

Ora alcuni genitori ci segnalano il persistere di queste bravate a danno dei bambini più piccoli e delle famiglie che cercano un po’ di pace e serenità nel giardino pubblico.

Ieri sarebbero intervenuti i carabinieri e avrebbero anche identificato e fermato alcuni di questi giovinastri. Ma non ci si può sempre affidare ai carabinieri per far tornare la tranquillità nella villa, occorre che chi governa attui sanzioni continue anche utilizzando la polizia municipale.

Insomma, deve essere un esercizio regolare da parte degli agenti, senza ricorrere a interventi straordinari delle forze dell’ordine.

Sempre in tema di ordine pubblico, ci segnalano che l'altro ieri sulla Muraglia alcuni giovani avrebbero appiccato il fuoco alla transenna posta all'ingresso delle scale e al cartello dell'ordinanza ivi affisso.
Anche in questo caso sono intervenuti i carabinieri. Un emigrato che era in visita sulla muraglia con la sua famiglia, ha raccontato che le sue due figlie piccole, allontanatesi un attimo per giocare, erano state spintonate da un gruppo di ragazzi e ragazze che si "divertivano" ad inseguirsi e a strattonarsi, e hanno rischiato di cadere giù dal bassissimo parapetto delle mura.

La guardia giurata in servizio sarebbe stata presente al colloquio e avrebbe ascoltato il racconto. I ragazzi maleducati sono stati sanzionati?

Di fronte a cittadini indisciplinati, zozzoni e maleducati, solo le sanzioni possono essere un efficace deterrente, altrimenti c’è il rischio che la villa comunale e la muraglia diventino zona franca alla mercé di chi pensa di poter fare i propri comodi impunemente. E’ giusto che l’accesso alla muraglia venga consentito a tutti, ma va anche disciplinato, non foss’altro per motivi di sicurezza. Dobbiamo sempre intervenire a posteriori, quando il danno è fatto e in tanti dichiareranno: l’avevamo detto?

Gli episodi di cronaca nazionale non hanno insegnato nulla?

© Riproduzione riservata

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""



Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet