Recupero Password
Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria. Rappresentazione sacra a Molfetta Al Museo Diocesano un’azione scenica che unisce danza, poesia, immagini, arte promossa dall’Arciconfraternita della Morte
14 marzo 2019

MOLFETTA - Sarà ospitata dal Museo diocesano di Molfetta, venerdì 15 e sabato 16, l’azione sacra “Vengo da Migdàl. Il mio nome è Maria”, promossa dall’Arciconfraternita della Morte dal sacco nero di Molfetta, da un’idea di Antonietta Cozzoli.

In una sinergia di poesia e arte, musica e danza, immagini e suggestioni, questa azione sacra ripercorre attraverso il racconto in prima persona, i momenti in cui la vita di Maria di Magdala si intreccia con quella di Gesù di Nazareth. Testimone privilegiata, Maria sta con i dodici accanto al Maestro nei giorni della predicazione in Galilea, sta ai piedi della croce accanto alla Madre, sta sulla soglia del sepolcro vuoto. È prima messaggera della Resurrezione.

La messa in scena delle due serate prevede un cast di grande rilievo. A dar forma al testo saranno Michele Mirabella, Antonietta Cozzoli e la danza di Elisa Barucchieri con la compagnia Resextensa, presente a Molfetta anche con Teresa Demma, Nicola Gattullo, Germana Raimondo e Marina Roselli.

I testi, tratti da Antico e Nuovo testamento, Antonio Bello, Gabriele D’Annunzio, Carlo Maria Martini, Ignazio Pansini, Gianfranco Ravasi, Giovanni Testori, Jacopo da Varazze, saranno inoltre interpretate dalle proiezioni dei DOT Studio e dalla regia luci di Alessandro Catacchio.

Una sperimentazione innovativa che non mancherà di valorizzare alcune delle opere dedicate alla santa patrona del sodalizio molfettese, rappresentate eccezionalmente in scena dalle due sculture in cartapesta di Giulio Cozzoli, attraversando la storia dell’arte di tutti i tempi.

«La storia di Maria Maddalena – afferma Carlo Maria Martini – è il segno dell’eccesso cristiano, del superamento, è il segno di una verità profonda: non si raggiunge il vero equilibrio se non andando al di là, con qualche gesto coraggioso. Solo l’eccesso salva».

L’accesso, su invito, è possibile contattando l’Arciconfraternita presso l’Oratorio di corso Dante o chiamando il 340 180 8074.

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2019
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727
powered by PC Planet