Recupero Password
Un’iniziativa per dare al racconto della Fede una dimensione di coralità ed una visione più articolata. Un fiume di fedeli per Facies Passionis a Taranto
04 febbraio 2018

 Facies Passionis, ovvero i Volti della Passione, non è una mostra. Non una semplice esposizione di opere a contenuto sacro correlate alla Settimana Santa. O almeno non è questo il suo principale obiettivo.

L’iniziativa promossa dall’Arciconfraternita del Carmine di Taranto, nata da un’intuizione del priore Antonello Papalia, è innanzitutto la riaffermazione della pietà popolare come pratica devozionale delle nostre comunità. Taranto è, in tale logica, una delle realtà che meglio esprime questi concetti e maggiormente è impegnata a custodirne i valori fondanti.

Un’occasione, dunque, per meditare sul fondamento sacro di quanto ci apprestiamo a vivere in occasione della Pasqua. «Con l’ambizione di raccontare, sia pure per alcuni giorni – sostengono gli organizzatori – quel grande evento di fede che è la Settimana Santa e di farlo attraverso le confraternite di Puglia, le loro statue, i loro vissuti, i loro protagonisti. Un viaggio in un pezzo di storia della nostra regione con l’obiettivo di evidenziarla nei suoi aspetti e momenti salienti».

Questo il motivo per il quale la Pietà di Giulio Cozzoli ed il Cristo nell’orto del Getsemani di Giuseppe Manzo, rispettivamente dell’Arciconfraternita della Morte dal sacco nero e della chiesa di san Bernardino, in deposito permanente presso il Museo diocesano di Molfetta, sono stati trasferiti a Taranto, dove un fiume di gente ha preso parte all’inaugurazione di giovedì 1 febbraio 2018.

Le due opere “molfettesi”, incipit e termine di una prospettiva suggestiva che pervade la chiesa confraternale del Carmine, saranno fruibili sino a domenica 4 febbraio, quando il tutto si concluderà con l’intervento dei sodalizi ed un momento di preghiera. Accanto ad opere eccezionalmente arrivate da tutta la Puglia: dal Gesù flagellato di San Severo al Calvario della Vallisa di Bari. Dal Cristo morto di Bitonto all’Addolorata di Noci. Dieci opere per dieci momenti della passione di Cristo.

L’esposizione sarà fruibile liberamente dalle ore 9.00 alle 22.00 di quella che si preannuncia una tre giorni molto intensa, mentre da Molfetta un pullman organizzato dall’Arciconfraternita della Morte consentirà di partecipare agli eventi finali presso il Castello Aragonese prima e la chiesa di San Pasquale Baylon, poi, per la Santa Messa concelebrata dai Padri Spirituali.

Una prima edizione che racconta la nostra terra e la nostra fede. Con uno sguardo più ampio, di condivisione.

A tal proposito, l’Arciconfraternita della Morte di Molfetta informa tutti i cittadini e fedeli che da oggi è attivo il nuovo sito internet www.arciconfraternitadellamorte.it, una finestra sulla realtà confraternale con uno sguardo alle sue profonde radici e l’obiettivo verso il futuro: in primis la Quaresima 2018 ormai alle porte.

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet