Recupero Password
Sono 5 anni che Guglielmo Minervini ci ha lasciato. Manca tanto a Molfetta dove la politica è stata ridotta a mercimonio e mercato delle vacche
Guglielmo Minervini
03 agosto 2021

 MOLFETTA – Sono 5 anni che Guglielmo Minervini ci ha lasciati. L’ex sindaco e assessore regionale manca tanto a tutti noi in una Molfetta dove la politica è stata ridotta a mercimonio e a squallido mercato delle vacche, dove perfino la dignità umana ha perso valore.

Ci piace ricordarlo con le parole del caro collega Valentino Losito che gli ha dedicato una “cantata”: «Con Guglielmo Minervini ci siamo incrociati non più di quattro o cinque volte nel corso delle nostre vite. Capita. Se uno fa il giornalista dietro una scrivania a organizzare il lavoro degli altri e l’altro fa politica in “trincea” per organizzare le speranze degli altri, dei più giovani specialmente. Ma un comune sentire culturale ed ecclesiale me lo facevano e fanno sentire assai vicino. Del resto, come diceva Pirandello “le anime hanno un loro particolar modo d'intendersi, d'entrare in intimità, fino a darsi del tu, mentre le nostre persone sono tuttavia impacciate nel commercio delle parole comuni, nella schiavitù delle esigenze sociali” o delle attività professionali.

Durante l’Eucarestia celebrata a Giovinazzo, ho voluto percorrere quel tratto di terra e di mare tra Santo Spirito e Giovinazzo, così caro anche a Guglielmo. Ho incontrato quattro ragazzi che, zaino in spalla, pedalavano verso il sole, ho guardato il mare orlato da quei muretti a secco, fatti di pietre ruvide e aguzze, come a volte possono essere le anime nostre, da cui ogni tanto spuntano papaveri e margherite come possono essere le nostre speranze e i nostri sorrisi. Ho rivisto quello di Guglielmo. Ho sentito che questo siamo noi, questa è la terra che amiamo. La Puglia dei nostri ulivi, contorti e meravigliosi, del nostro "mar comune", della nostra gente. Dei nostri braccianti e dei nostri pescatori. Neruda ha scritto anche per noi "Ma io amo anche le radici del mio piccolo paese. Se dovessi morire mille volte, io là vorrei morire: se dovessi mille volte nascere, là vorrei nascere, vicino all’ulivo selvaggio, al forte vento che soffia dal Sud”. Ciao Guglielmo».

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2021
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet